Ibride e Elettriche

Lamborghini: la prima supercar elettrica potrebbe arrivare prima del previsto

Il recente cambio al vertice di Lamborghini, con il ritorno di Stephan Winkelmann, coincide con un periodo di forte incertezza per l’intero panorama automobilistico europeo. Oltre al calo considerevole della domanda di vetture, l’industria si trova a dover fronteggiare nuove e insidiose sfide, una in particolare: l’elettrificazione.

Quest’ultima coinvolge ogni casa a ogni livello di segmento, inclusa l’azienda italiana di super cars. Negli ultimi anni, Sant’agata Bolognese ha vissuto un periodo particolarmente fortunato con volumi di vendita e dipendenti raddoppiati e utili triplicati. La rinnovata gestione Winkelmann avrà come obiettivo il consolidamento di Lamborghini ad alti livelli, con l’impegno a ridurre le emissioni di CO2. Come? con la prima Lambo a zero emissioni.

L’ibrida in attesa

Una prima concreta applicazione di elettrificazione è stata mostrata come la hypercar in edizione limitata Sian. Un modello ad altissime prestazioni che esplora tecnologie inedite per Lamborghini, come motori elettrici e super condensatori. Il primo modello dell’attuale gamma che verosimilmente sarà sostituito nel prossimo futuro è la Aventador.

I vertici del marchio italiano hanno dichiarato a più riprese che il possente motore V12 aspirato sarà mantenuto in vita ancora a lungo, con qualche aggiornamento. Inutile negare che la possibilità che il 12 cilindri diventi ibrido è molto concreta. Winkelmann ha dichiarato di credere fermamente negli obiettivi di riduzione di CO2 stabiliti dalla UE e che Lamborghini si impegnerà a perseguirli. Difficile che a rappresentare l’ingresso nel mondo elettrico sia l’erede di Urus: il super Suv ha molta componentistica in comune con altri modelli del gruppo Volkswagen, anche per lui la futura applicazione più probabile è rappresentata dall’ibrido.

Ma l’elettrica si farà

Discorso diverso per Lamborghini huracan. La sportiva con motore V10 aspirato è costruita sulla stessa base di Audi R8. La casa dei quattro anelli di Ingolstad ha ammesso di voler proporre una versione di R8 alimentata a energia elettrica, un passaggio di testimone che sembra ormai molto vicino, visto l’inizio di produzione di E-tron GT. La prima elettrica di Lamborghini potrebbe dunque arrivare anche prima del previsto.

Gli indizi, dunque, porterebbero a considerare l’erede di Huracan come la più probabile prima Lamborghini completamente elettrica. Difficile però ipotizzare scenari: di recente è anche uscita un’indiscrezione che vedrebbe la casa italiana e Bugatti come i possibili protagonisti di una cessione da parte di Volkswagen. Una situazione che potrebbe riscrivere completamente la storia attuale di Lamborghini e tutti i suoi possibili futuri scenari.