Auto

Mazda MX-5, la versione rinnovata arriverà nel 2022

Da alcune settimane si susseguono diversi rumor riguardanti la piccola due posti giapponese, in circolazione dal 2015, che nel corso dei prossimi mesi potrebbe subire un nuovo processo di aggiornamento anche in virtù delle normative in materia di emissioni. Mentre il mercato spinge per avere sempre più modelli green, la nuova versione di MX-5 potrebbe semplicemente essere un lieve aggiornamento dell’attuale modello; l’indiscrezione giunge direttamente da Mazda USA che, nelle scorse ora, ha indicato come “non più disponibile” la versione ND (ND2) in commercio tutt’ora anche in Italia.

Stando a quanto riportato ai microfoni di Carscoops, si tratterebbe di un piccolo aggiornamento in arrivo il prossimo anno che non trasformerà in alcun modo l’essenza e la natura della MX-5. Atteso quindi un rinnovo dei sistemi di sicurezza oppure all’infotainment. Con buone probabilità, quindi, a partire dai prossimi mesi sarà possibile acquistare l’ultima versione completamente endotermica della piccola spider nell’attesa di un totale rinnovamento come riportato in precedenza.

Mazda MX-5 diventerà un’ibrida, forse in variante mild-hybrid, così da non incrementarne troppo il peso e riuscire quindi a rimanere intorno ai 1.000 kg a secco. Tra i potenziali candidati in questa trasformazione c’è il propulsore Skyactiv-X, al momento a bordo di Mazda3 (attualmente in prova su MotorLabs), che però rimane disponibile solo nella versione da 2 litri e che quindi porterebbe ad una dipartita della variante più compatta e precedentemente testata da 1,5 litri.

Il costruttore giapponese ha in programma di elettrificare l’intera gamma entro il 2030 pertanto, qualora il modello rimanesse in commercio, è lecito immaginare che prima o poi arriverà anche una variante 100% elettrica progettata su un telaio completamente nuovo. Nel recente report di Consumer Reports, Mazda MX-5 ha ottenuto uno dei migliori piazzamenti in senso assoluto in termini di affidabilità, surclassando numerosi modelli elettrici; la speranza è che il costruttore giapponese, famoso proprio la sua affidabilità, riesca a mantenere questi attributi anche in futuro.