Auto

McLaren Elva: prestazioni incredibili per la sportiva inglese

Presentata quasi ad un anno di distanza, McLaren Elva rappresenta la quinta vettura della serie McLaren Ultimate Series, in seguito alla Speedtail, Senna, P1 e la storica F1. Con un costo di circa 1,7 milioni di Dollari, la supercar si inserisce di diritto nella classifica delle vetture più costose mai prodotte sino ad ora. Costruita in appena 249 esemplari e la straordinaria Elva – dalle linee estremamente accattivanti e uniche nel suo genere – garantirà una guida dalle prestazioni formidabili, grazie alla sua velocità e potenza.

Il nome deriva direttamente dalle prime auto da corsa sviluppate da Bruce McLaren, come la M1A, la M1B e la M1C che furono prodotte tra il 1964 e il 1967; a causa della ridotta forza lavoro, la produzione di queste sportive venne affidata alla casa automobilistica britannica Elva.

Le prestazioni impeccabili sono frutto di soluzioni innovative che potrebbero identificare la Elva come punto di riferimento dell’intero segmento.  Grazie alle prestazioni che è in grado di garantire il bolide del marchio McLaren, l’auto è stata addirittura paragonata ad una superbike. Ebbene, una delle peculiarità della McLaren Elva, apparentemente “strana”, è l’assenza di un parabrezza.

Infatti, nonostante le altissime velocità che è in grado di raggiugere, l’auto sportiva è stata progettata senza tale elemento. Tuttavia, questa mancanza può essere giustificata dall’Active Air Management System (AAMS) ovvero un sistema estremamente innovativo, grazie al quale – fondamentalmente – si viene a creare una sorta di parabrezza virtuale che convoglia l’aria al di sopra dell’abitacolo, con l’utilizzo di un deflettore in fibra di carbonio dispiegabile sul cofano.

Il cuore dalla McLaren Elva

L’auto del marchio McLaren è alimentata da un V8 biturbo da 4,0 litri capace di erogare un massimo di 804 CV e 800 Nm di coppia direttamente sull’asse delle ruote posteriori. Trazione posteriore e cambio automatico a doppia frizione a sette rapporti completano il quadro tecnico della spettacolare McLaren Elva. Grazia a tali tecnologie, l’auto inglese è in grado di scattare da 0 a 100 km/h in circa 3 secondi, mentre in soli 6,7 secondi raggiunge i 200 km/h.

Con Elva, McLaren risponde direttamente alla barchetta super veloce di Ferrari conosciuta con il nome di Monza SP1 (ed SP2); rispetto alla soluzione della compagnia di Woking, la variante di Maranello ospita il classico motore da 6,5 litri V12 di derivazione 812 SuperFast.