Auto

Mercedes aggiorna la EQC con un nuovo caricatore da 11 kW

Mercedes-Benz ha annunciato che il suo SUV EQC sarà dotato di un nuovo caricatore da 11 kW – che immaginiamo essere trifase – che permetterà di ridurre i tempi di ricarica dell’auto da 11 ore, a 7 ore e 30 minuti. Si tratta del primo grande aggiornamento elettrico che Mercedes applica alla EQC, entrata in produzione a maggio 2019.

La decisione non sorprende, specialmente per il mercato europeo, in quanto i caricatori a singola fase da 7.4 kW sono molto meno utili rispetto ai tri-fase da 11 kW. Questa modifica si sta diffondendo tra diversi produttori di EV, che cominciano a offrire i caricatori a 11 kW come optional sulle proprie auto.

Durante il terzo trimestre del 2020, Mercedes-Benz ha venduto globalmente circa 45,000 veicoli, elettrici o plug-in hybrid, una cifra che rappresenta circa il 7% del volume di vendita complessivo. Non abbiamo molte informazioni sulle vendite della EQC, ma sappiamo che a settembre ne sono state vendute 2500.

Il produttore tedesco sta lavorando duramente per riuscire a soddisfare la domanda sempre crescente, aumentando pian piano la produzione presso la fabbrica di Brema, in Germania, così come in quella di Pechino in Cina, grazie alla joint venture avviata con Beijing Benz Automotive Ltd.

La Mercedes EQC è dotata di un pacchetto batterie da 80 kWh – del peso complessivo di 625 kg – ed è in grado di percorrere nel ciclo WLTP fino a 417 km, e fa da 0 a 100 km/h in 5.1 secondi. La velocità massima è di 180 km/h, e i due motori asincroni da 408 cavalli (300 kW) erogano ben 760 Nm di coppia. Grazie al nuovo caricatore trifase, la ricarica completa delle batterie impiega poco più di 7 ore, mentre in caso di ricarica con corrente continua la macchina impiega solo 40 minuti a ricaricarsi fino all’80%.

Mercedes ha di recente annunciato una versione 4×4² della EQC, pensata appositamente per chi vuole fare fuoristrada nel lusso e della comodità.