Ibride e Elettriche

Mercedes punta sull’elettrico, in arrivo almeno 10 modelli

Come ogni anno, anche quest’anno – nonostante il Covid-19 abbia scombussolato i piani, le aziende hanno tenuto la loro conferenza di presentazione del bilancio. Tra queste, non si è risparmiata Mercedes-Benz che, svelando la sua nuova strategia, ha rivelato che almeno 10 auto riceveranno delle versioni elettriche. Parliamo non solo di modelli entry level che andranno a coprire un po’ i vari segmenti base, ma anche di auto come la Maybach, una sportiva AMG e un Classe G.

Tecnicamente tutte queste auto nasceranno da due piattaforme ben definite: la prima, EVA, servirà a produrre tutte le auto di grandi dimensioni, mentre la MMA (Mercedes-Benz Modular Architecture) verrà utilizzata per le vetture più piccole. Ad ora Mercedes ha nel suo parco auto soltanto la EQC, la prima auto del marchio 100% elettrica, ma entro fine anno verrà prodotta anche la EQA. Nel 2021 sono previste anche la EQB e la sportiva EQS, ma i piani di Mercedes non si fermano qui. Per l’anno prossimo infatti l’azienda vuole lanciare altri modelli elettrici: il numero non è ancora confermato, ma dovrebbe superare le 5 unità differenti, per non parlare di tutte le ibride plug-in previste.

Mercedes ad ora continua a produrre le sue auto elettriche sull’architettura definita “Powertrain Flexible” (la EQC nasce da quella, e così sarà anche per la EQA e EQB). Nel futuro però l’azienda intraprenderà l’utilizzo di due nuove piattaforme: la EVA, adatta a veicoli grandi, che permetterà la nascita di modelli come il già citato EQS, ma anche EQE e le due varianti SUV. Sulla stessa piattaforma vedranno la nascita anche alcuni modelli limitati, come la Classe G, una vettura sportiva targata AMG e una Maybach elettrica. La Mercedes-Benz Modular Architecture invece sarà utile nei prossimi anni, quando Mercedes inizierà a produrre anche auto più piccole totalmente elettriche. Non mancano infine alcune novità interessanti legate alle batterie (che dovrebbero riuscire a ricaricarsi in 15 minuti per un’autonomia di 250km), il sistema MB.OS (in arrivo nel 2024) e l’approccio a nuovi sistemi di guida assistita.