Auto

Porsche, con Mission E non avremo i limiti delle Tesla

Stefan Weckbach, direttore della divisione auto elettriche di Porsche ha affermato che la Mission E non avrà le limitazioni delle attuali Tesla e potrà quindi sostenere a lungo la velocità massima e accelerare più volte da 0 a 100 in meno di 3,5 secondi.

Il produttore tedesco già in passato aveva infatti criticato le affermazioni di Tesla quando si parla di velocità di punta e capacità di accelerazione, visto che entrambe sono legate alla capacità delle batterie di erogare energia e a quella dell'auto nel raffreddare efficacemente tutti i componenti. I numeri dichiarati da Tesla infatti sono legati all'azionamento di una specifica modalità e possono essere ottenuti, brevemente, solo in quel modo. Una mancanza di riproducibilità che Porsche ha sempre sottolineato. Come dire che un'automobile normale può raggiungere i 250 km/h ma solo per pochi minuti o accelerare in meno di 3 secondi, ma non più di un paio di volte.

2

Porsche invece starebbe lavorando per assicurare alla sua Mission E stabilità di prestazioni. "Tutta l'azienda sta lavorando affinché la Mission E sia una Porsche a tutti gli effetti", ha infatti spiegato Weckbach ai colleghi di ArsTechnica. Questo vuol dire trovare le soluzioni tecnologiche affinché le prestazioni che una Porsche deve avere sia ripetibili nel tempo.

Mission E ad esempio promette 600 CV (447kW) grazie ai due motori (uno per il retrotreno, uno per l'avantreno) sincroni a eccitazione permanente (PSM), simili a quelli impiegati nella 919 Hybrid vincitrice a Le Mans, che dovrebbero accelerare la vettura e recuperare parte dell'energia durante le frenate. Insieme i due motori dovrebbero spingere la Mission E in meno di 3,5 secondi alla velocità di 100 km/h, raggiungendo i 200 km/h in meno di dodici, raggiungendo una velocità massima di 250 km/h.

porsche normal

Tutta questa potenza sarebbe supportata da batterie al litio di nuova generazione da 95 kWh, che dovrebbero ricaricarsi dell'80% in appena 15 minuti grazie al sistema di ricarica Porsche Turbo che sfrutta una tecnologia da 800 volt, il doppio di quella delle auto elettriche contemporanee. Pr sostenere questa tecnologia Porsche ha intenzione di dotare tutte le sue concessionarie di punti di ricarica super rapida e sta intessendo accordi con terze parti anche per la realizzazione di un'infrastruttura distribuita su strade cittadine e autostrade.