Ibride e Elettriche

Prevedere la vita delle batterie sarà presto possibile con questo software

Prevedere in anticipo il deterioramento di una batteria nel mondo reale utilizzando gli strumenti di simulazione delle case automobilistiche non è mai una procedura accurata, e forse proprio per questa ragione l’azienda inglese SPS ha creato “la batteria digitale più avanzata al mondo”.

Negli ultimi nove mesi la società ha lavorato a un programma di ricerca denominato Redtop (Real-time Electrical Digital Twin Operating Platform) in collaborazione con l’Imperial College, la London Electric Vehicle Company (LEVC) e JSCA, il braccio di ricerca e sviluppo della Watt Electric Vehicle Company (WEVC) con sede in Cornovaglia.

Il progetto, in parte finanziato dall’Advanced Propulsion Centre, mira a sviluppare un modello virtuale di una batteria per veicoli elettrici, collegata a una controparte fisica, che offra una visione senza precedenti delle prestazioni e dello stato di salute della batteria in tempo reale e, al tempo stesso, la capacità di prevederne la durata.

Nell’ambito del programma Redtop, 50 taxi range extender LEVC TX e la nuova sportiva elettrica WEVC Coupé hanno percorso più di 450mila km, equipaggiati con il dispositivo di raccolta dati di SPS, che comunica via etere con il software in cloud dell’azienda. I dati raccolti in questo processo sono stati analizzati dalla piattaforma di gestione della batteria EV-OPS e utilizzati dai ricercatori dell’Imperial College per creare i “gemelli digitali”. SPS afferma che i potenziali vantaggi di questa tecnologia sono “enormi“, spiegando che può fornire una panoramica completa dell’attività della batteria, evidenziare le differenze tra le batterie e, infine, creare un “registro” che mostri lo stato di salute della batteria per tutta la vita del veicolo.

I produttori di veicoli elettrici potrebbero utilizzare questo strumento per accelerare lo sviluppo dei veicoli, gli operatori di flotte potrebbero semplificare le operazioni e pianificare le attività in maniera di netta e accurata. Altrettanto importante è la possibilità che le garanzie sulle batterie vengano sottoscritte più dettagliatamente, fornendo idealmente maggiore sicurezza al proprietario di turno.

Pete Bishop, chief technology officer di SPS, ha dichiarato:

Comprendere le prestazioni della batteria di un veicolo elettrico in questo momento – e prevedere come funzionerà nei prossimi anni – è assolutamente fondamentale per molti settori. Ma fino ad oggi mancano dati e previsioni; la modellazione è stata in gran parte effettuata in laboratorio.