Auto

RC Auto digitale la multa non è automatica: telecamere non omologate

Un passo avanti e due indietro. È vero che dal 18 ottobre non sarà più necessario esporre sul parabrezza dell'auto il tagliando dell'assicurazione. È vero che autovelox, Tutor, Telepass, telecamere ZTL e sistemi comunali di videosorveglianza leggeranno le targhe e verificheranno se il veicolo è in regola con l'assicurazione e il bollo. È vero che tali sistemi saranno in grado di connettersi alla Banca dati dei veicoli assicurati e all'Archivio Integrato Antifrode (AIA). Non è vero, però, che chi non sarà in regola con la RC Auto sarà sanzionato automaticamente.

tutor assicurazione controllo

Già, perché in Italia nessun sistema di videosorveglianza è stato omologato per svolgere questo compito. Non è un problema di hardware e software bensì di bolli, timbri e codicilli. Lo ha confermato oggi a Tom's Hardware il comandante della Polizia Municipale di Verona, Luigi Altamura.

"Fino a questo momento – ha detto l'ufficiale – il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti non ha dato il via all'omologazione delle apparecchiature e dunque nessuna telecamera stradale o autostradale è abilitata alla sanzione automatica, cioè a emettere verbali in remoto. Quando il sistema segnalerà che un veicolo non è assicurato si dovrà convocare per posta l'automobilista al comando per esibire il certificato".

polifemo accecato
Telecamere accecate dalla burocrazia

Eppure c'era tutto il tempo per adeguare le omologazioni alla normativa. Più volte gli esperti del settore hanno fatto appelli per essere pronti all'appuntamento del 18 ottobre. Lo scorso aprile Rossella Sebastiani, del servizio normativa auto di ANIA (Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici), aveva dichiarato al quotidiano La Stampa che "In base alla normativa attuale, i sistemi di controllo del traffico dove non c'è presenza umana, come appunto gli autovelox, non possono essere impiegati per sanzionare chi non è assicurato se contemporaneamente non viene commessa un'altra infrazione, per esempio l'eccesso di velocità. È necessario mettere mano al testo, se vogliamo che, a ottobre, i nuovi sistemi possano portare ai risultati che ci aspettiamo".

È una storia di dematerializzazione interrotta, con la burocrazia che continua ad avere il sopravvento sui processi per rendere più snella ed efficiente la Pubblica Amministrazione. Evidentemente nessuno "ha messo mano al testo", come ci ha confermato il comandante della Polizia Municipale di Verona, e i pirati delle assicurazioni potranno fare sberleffi pure alle telecamere di videosorveglianza.