Trasporti

Repower-E, arriva la prima imbarcazione elettrica

Da oggi Repower sarà presente alla 58° edizione del Salone Nautico di Genova con Repower-E, la sua ultima creazione, una delle prime barche nate full electric, evoluzione cabinata di una imbarcazione aperta, ricaricabile anche attraverso sistemi di ricarica veloce del mondo e-car come i sistemi Repower Palina e Bitta.

Con Repower-E l'azienda ha voluto dunque sviluppare coerentemente il proprio approccio alla mobilità elettrica, che prende il nome di Homo Mobilis by Repower e si compone di diversi prodotti, soluzioni digitali e modelli innovativi diventati ormai vere e proprie "buone pratiche" che fanno da riferimento del mercato.

repower barca JPG

Di strada nel mondo della mobilità sostenibile ne è stata fatta molta dopo la consegna nel 2010 di una delle prime auto elettriche in Italia, firmata proprio da Repower. La mobilità elettrica ha già saputo contaminare il mercato automotive, facendo convergere competenze di settori diversi quali energy e ICT verso nuove soluzioni di mobilità. Oggi la nautica rappresenta una nuova frontiera in questo campo e Repower è pronta a dare il suo contributo, presentando la sua visione di sostenibilità a 360°.

La barca, realizzata in vetroresina epossidica, misura 9,98 metri di lunghezza e può trasportare fino a 14 passeggeri, più il pilota. Il motore full electric può raggiungere una velocità massima a pieno carico di 11 nodi ma dovrebbe viaggiare a circa 7 nodi. A tale velocità l'autonomia a pieno carico dovrebbe essere pari a 300 minuti.  

repower e

"Il lungo viaggio di Repower nella mobilità elettrica si arricchisce di una nuova e significativa tappa, grazie a Repower-E, l’unica barca full electric presente al Salone Nautico di Genova", ha dichiarato Fabio Bocchiola, Country Manager Repower Italia, "Oggi, con REPOWER-E, Repower si conferma un player di riferimento nella rivoluzione elettrica che sta iniziando a coinvolgere, dopo l'automotive, anche il settore nautico, puntando così a diffondere la nostra visione di sostenibilità a 360°".