Tom's Hardware Italia
Ibride e Elettriche

Seat Mii EV: la prima “vera” elettrica di Martorell?

La piccola citycar, nata come alternativa alle sorelle Up! e Citigo del gruppo Volkswagen, si è da sempre contraddistinta per l’ottimo rapporto qualità-prezzo. Acquistandola si potevano ottenere gran parte dei benefici della più costosa Up! risparmiando sul prezzo finale una cifra considerevole. Un passo in avanti, quasi naturale, per una vettura espressamente destinata alla città è […]

La piccola citycar, nata come alternativa alle sorelle Up! e Citigo del gruppo Volkswagen, si è da sempre contraddistinta per l’ottimo rapporto qualità-prezzo. Acquistandola si potevano ottenere gran parte dei benefici della più costosa Up! risparmiando sul prezzo finale una cifra considerevole. Un passo in avanti, quasi naturale, per una vettura espressamente destinata alla città è la conversione alla propulsione elettrica. Altre case hanno già effettuato il passaggio, come Smart per la Fortwo e VW con la E-Up!, quindi sembrerebbe logico che anche la casa spagnola possa in un futuro prossimo mettere in commercio una versione completamente elettrica. Per ora non si ha una data precisa, ma sappiamo che la produzione inizierà probabilmente con il nuovo anno, concretizzandosi in una possibile commercializzazione nel 2020.

Come per la maggior parte dei componenti della vettura, anche il propulsore e il pacco batteria saranno presi in prestito dalla parente tedesca. Con 36.8 kWh Mii EV si assicura circa 260Km di autonomia (misurati con il nuovo ciclo WLTP). Trattandosi di una vettura destinata all’utilizzo urbano, è cruciale che la ricarica parziale possa essere effettuata nel minor tempo possibile e Mii sembrerebbe non deludere, permettendo di raggiungere l’80% della capienza massima in circa un’ora. Per usufruire della ricarica veloce sarebbe necessario sostare ad una colonna che utilizzi corrente continua, mentre per una ricarica “normale” della durata di 10 ore sarà possibile utilizzare la corrente alternata di un impianto casalingo.

Per quanto concerne il propulsore non c’è da stupirsi, la potenza totale ammonta a 82 cavalli, mentre la coppia motrice è pari a 212Nm. Dei due valori il più importante per un utilizzo urbano è il secondo. Frequenti variazioni di velocitàcongestionamenti sono eventualità per le quali è bene valutare questo parametro. Se consideriamo un tipico propulsore da citycar, la coppia generata è in media circa la meta di un equivalente elettrico, e ciò crea situazioni di scarsa responsività del veicolo. Grazie alla spinta elettrica questo vuoto prestazionale potrebbe essere colmato, al punto che Lo scatto 0-50 Km/h si attesterebbe a 3.9s.

Se l’aggiornamento principale è costituito dalla conversione elettrica, poco è cambiato per le sembianze esterne e interne. Concentrandosi sulla plancia si può notare un nuovo cruscotto, con materiali configurabili in termini di feeling e colore, impreziosito da inserti in pelle che ricoprono il volante e la leva del selettore di marcia. A detta di Seat sarà possibile controllare la vettura a distanza con il proprio smartphone, grazie al quale sarà possibile configurare la temperatura e la luce d’ambiente prima di entrare nell’abitacolo.

Non abbiamo ricevuto notizie sul prezzo che, per quanto imprevedibile, sarà sicuramente inferiore a quello di E-Up! (circa 28000 euro). Secondo la casa di Martorell, Mii sarà una delle più economiche sul mercato.