Ibride e Elettriche

Silent Yachts, con la Volkswagen ID.3 ci si può costruire anche uno yacht

La casa automobilistica Volkswagen ha inevitabilmente dato il via allo sviluppo di nuovi modelli elettrici della gamma, ma sembra che il lavoro non si fermi solamente alla realizzazione di nuove tecnologie dedicate alle quattro ruote. La società ha infatti deciso di collaborare con Silent-Yachts, noto produttore di catamarani elettrici e alimentati ad energia solare.

Le due aziende sarebbero in trattativa già dal 2019 con conseguenti colloqui tra le parti. La casa di Wolfsburg avrebbe infatti deciso di stringere la partnership con Silent Yachts per la creazione di imbarcazioni elettriche basate proprio sulla sua famosa piattaforma MEB. La stessa Silent Yachts collaborerà tramite il proprio team Cupra per la realizzazione delle nuove imbarcazioni sostenibili e a zero emissioni.

A commentare l’idea innovativa di creare uno yacht su base MEB è stato lo stesso Michael Jost del gruppo Volkswagen.

All’interno del Gruppo Volkswagen, abbiamo istituito un fondo per l’innovazione per promuovere idee imprenditoriali innovative. Circa 18 mesi fa, mi è stato presentato un progetto per utilizzare il MEB in uno yacht. All’inizio, pensavo che l’idea fosse assurda. Ma poi abbiamo conosciuto il potenziale partner, Silent-Yachts. Siamo rimasti colpiti da quanto l’azienda sia impegnata nel tema della neutralità della CO₂ come fornitore di yacht ad energia solare-elettrica ed è stata a lungo considerata un pioniere della sostenibilità nel settore

Non a caso, finora Silent Yachts ha lavorato alla realizzazione di 11 imbarcazioni elettriche, che vedono inevitabilmente l’implementazione di batterie più grandi di quelle che normalmente troviamo sulle auto. Nel dettaglio, queste vanno da un minimo di 150 kWh ad un massimo di 532 ai quali bisogna aggiungere tra 10 e i 26 kW derivanti dai pannelli solari. Su tale esempio, l’idea sarebbe quella di implementare su ciascuno yacht 6 pacchi batteria, cosi da raggiungere un’autonomia di circa 500 kW.

Il progetto che vedrà uniti Volkswagen e Silent Yatchs pone come obiettivo una produzione di circa 50 yacht all’anno. L’intenzione è dunque quella di aumentare sensibilmente l’entusiasmo per l’elettromobilità dimostrando i punti di forza tecnologici della piattaforma MEB e che il divertimento di guida congiuntamente alla mobilità green sono possibili anche in alto mare. Il lavoro di collaborazione punta inoltre alla creazione di un modello dal design innovativo e contemporaneo.

I nostri colleghi spagnoli CUPRA forniscono il design e forniamo il propulsore basato su MEB, ad esempio batterie, inverter a impulsi e motori del portafoglio Volkswagen. I nostri partner software adattano anche le applicazioni: un inverter controllato a impulsi è programmato in modo diverso per un’auto rispetto a uno yacht. Silent-Yachts può anche adattare ulteriormente le interfacce del nostro software alle loro esigenze. Il nostro piano attuale è quello di installare fino a sei batterie per yacht e di abilitare una potenza di 500 kW per yacht di dimensioni di circa 50 piedi.

Inevitabilmente, la realizzazione dell’imbarcazione richiede diverse fasi di produzione che devono necessariamente essere eseguite in successione, il che aumenta ancora una volta significativamente i tempi di produzione. Secondo i piani attuali, il primo yacht dovrebbe essere lanciato già nel 2022 con il conseguente intento di dare il via ad una produzione di almeno 50 unità all’anno del modello “Silent Yacht 50” basato sulla piattaforma MEB. Successivamente, probabilmente si proseguirà con l’installazione di componenti Volkswagen anche in tutti gli altri modelli.

Se siete appassionati di modellini da collezione, vi proponiamo il set Lego “Technic Yacht da gara” disponibile su Amazon.