Trasporti

Taxi volanti, Aston Martin e Rolls Royce scendono in campo

Anche due colossi del settore automobilistico come Aston Martin e Rolls Royce hanno deciso di scendere in campo, andandosi a misurare con la sfida dei taxi volanti. La prima ha presentato un concept al Farnborough International Airshow che ha aperto ieri i battenti nel Regno Unito, mentre Rolls Royce addirittura conta di essere pronta nel 2020.

Tra i due modelli, esteticamente il più avveniristico e affascinante è decisamente quello firmato Aston Martin, che si presenta con linee aggressive e filanti e un posizionamento inedito dei rotori, oltre che con una cabina pensata per trasportare tre passeggeri.

aston martin vtol 13
Vista dall'alto del taxi volante Aston Martin

Secondo la casa inglese il taxi volante a decollo verticale andrebbe bene sia per spostamenti cittadini che da una città all'altra. Al momento però dettagli tecnici non ne sono stati forniti, l'unica cosa che appare certa è la collaborazione con Cranfield University per lo sviluppo dei sistemi di guida autonoma e l'utilizzo di motori elettrici ibridi sviluppati da Rolls Royce, forse gli stessi che dovrebbero far volare l'altro taxi volante.

Leggi anche: Uber, taxi volanti sempre più vicini: pronto il prototipo

Da quanto emerge il taxi Rolls Royce dovrebbe utilizzare infatti dei motori ibridi capaci di fargli raggiungere una velocità di punta di oltre 400 km/h, con un'autonomia superiore agli 800 km.

Leggi anche: Airbus, un prototipo di auto volante entro il 2017

L'aspetto più innovativo del taxi a decollo verticale di Rolls Royce riguarda però la batteria. Per ottenere l'autonomia di volo dichiarata infatti il velivolo non utilizzerebbe una grande batteria, ma una più piccola, ricaricata però costantemente tramite da un generatore alimentato da una turbina a gas.

rolls royce evtol air taxi 1
Il taxi volante Rolls Royce

Più grande del taxi Aston Martin, quello Rolls Royce dovrebbe poter ospitare tra i 4 e i 5 passeggeri e sarebbe dotato di 6 rotori, di cui 4 montati su un'ala inclinabile per il decollo verticale. Aston Martin di contro avrebbe solo tre rotori, di cui i due frontali basculanti e quello grande centrale fisso. Anche il prototipo Rolls Royce è stato mostrato all'International Airshow, ma a differenza di Aston Martin, la casa britannica ha parlato di una precisa finestra temporale per l'arrivo sul mercato, che va dagli inizi alla prima metà del 2020. Non manca molto ormai.