Auto

Tesla dice addio a Model Y Standard Range

Ad inizio 2021 Tesla aveva introdotto una nuova versione della Model Y, la Standard Range RWD; quest’aggiunta aveva inizialmente scioccato gli attenti seguaci del marchio perché proprio l’esistenza di questo modello era stata negata da Elon Musk stesso via Twitter a luglio 2020 in quanto non si sarebbe riusciti ad ottenere un’autonomia sufficiente a soddisfare il requisito EPA di 400 km.

La Model Y SR RWD è quindi durata meno di 2 mesi sul configuratore Tesla e veniva proposta ad un prezzo di partenza di 41.990 $; la conferma ufficiale di questa rimozione è arrivata da Twitter stesso dove Musk ha nuovamente commentato a riguardo sottolineando che l’autonomia non rappresenta il livello di eccellenza standard richiesto da Tesla stessa e che verranno onorati solo gli ordini già effettuati.

É  anche arrivato un annuncio da un addetto alle vendite Tesla dove confermava quanto detto su Twitter da Elon stesso; la versione fuori produzione era l’unica ad offrire la trazione unicamente posteriore e che poteva garantire lo 0-100 in 5.3s, con una velocità massima di 215 km/h.

Alcuni modelli sono stati consegnati ma non è chiaro esattamente il numero totale, quello che è certo è che eliminando il modello entry level il prezzo minimo per una Model Y sale drasticamente arrivando a 48.990 $, un salto di ben 7.000 $ rispetto all’alternativa presente pochi giorni fa; c’è da sottolineare che ora il modello entry level è la versione Long Range che, oltre all’aumento di autonomia fino a 520 km, affianca anche l’utilissima trazione integrale e migliorie alle performance che permettono di raggiungere lo 0-100 in 4.8s, mantenendo comunque la stessa velocità massima di 215 km/h.

Non è chiaro se con l’avvento delle nuove batterie strutturali con celle di tipo 4680, che debutteranno su Model S Plaid+, si riuscirà ad avere una versione base di Model Y e Model 3 capaci di avere più di 400 km di autonomia e mantenere ugualmente un prezzo intorno ai 40.000 $, staremo a vedere.