Auto

Tesla lavora con AMD per il cervello delle auto autonome?

Tesla starebbe lavorando con AMD per sviluppare un proprio chip per la gestione degli algoritmi di intelligenza artificiale necessari al funzionamento delle automobili autonome. Questo chip userebbe molte delle proprietà intellettuali di AMD secondo la CNBC, che cita fonti a conoscenza dei fatti.

A capo del progetto ci sarebbe Jim Keller, VP per l'hardware Autopilot in Tesla, storico progettista di chip e padre delle architetture K7, K8 e Zen di AMD, quelle che a conti fatti hanno prodotto le CPU di maggior successo dell'azienda. Keller aveva lasciato AMD nel 2015 per accasarsi in Tesla alcuni mesi dopo.

elon musk

Keller sarebbe a capo di un team di oltre 50 persone per coordinare gli sforzi hardware e software del produttore. A realizzare concretamente il chip sarebbe Globalfoundries, con tanto di primi sample che sarebbero già nelle mani di Tesla per i test sul campo.

La CNBC scrive che il CEO dell'azienda Sanjay Jha avrebbe confermato i rapporti con Tesla, ma un inviato di Tom's Hardware USA a una conferenza tenuta da Globalfoundries delle scorse ore smentisce tale affermazione, affermando che il nome di Tesla è circolato solo come un esempio tra i tanti player con cui si potrebbe lavorare.

Se la notizia sarà confermata si tratterebbe di un accordo molto interessante per AMD, che tramite la sua divisione che progetta chip personalizzati per altri clienti è riuscita in questi anni a entrare nelle console di Sony e Microsoft.

globalfoundries

La scorsa settimana, nel corso della Deutsche Bank Technology Conference, il direttore finanziario di AMD Devinder Kumar ha spiegato che nel 2018 il business "semi custom" di AMD non si baserà più solo sulle entrate legate al mondo delle console, ma anche su nuovi progetti. "Si tratta di un prodotto non legato alle console da gioco e gli incassi dovrebbero iniziare nel periodo 2018".

Mettere piede nel settore dell'auto, raggiungendo milioni dei veicoli, rimpinguerebbe ulteriormente le finanze di AMD, che negli anni passati hanno vissuto importanti momenti di crisi. Allo stesso tempo darebbe slancio alla posizione dell'azienda in un settore del tutto nuovo e rappresenterebbe uno smacco per Nvidia, finora principale partner hardware di Tesla.


Tom's Consiglia

Non tutti hanno bisogno di una scheda madre con chipset X370: per i processori Ryzen ci sono anche buone proposte B350 come la MSI B350M MORTAR.