Auto

Tesla licenzia un altro manager: Evan Horetsky lascia l’azienda

Secondo recenti indiscrezioni, il colosso Tesla avrebbe licenziato un altro, importante manager. A quanto pare, si tratta di Evan Horetsky, nonché uno dei principali responsabili del nuovo progetto alla quale sta lavorando la Casa automobilistica di Elon Musk specializzata nella produzione di veicoli elettrici. Infatti Evan Horetsky era un tassello rilevante nella costruzione della Gigafactory di Berlino poiché si occupava, tra le altre cosa, anche dell’organizzazione dell’azienda.

Nel team che lavora nella Casa automobilistica Teslail manager era definito come “Mister Gigafactory” proprio per l’importante ruolo che svolgeva. A partire dal 2015, Evan Horetsky era stato assunto dall’azienda di Musk per collaborare ad ambiziosi progetti tra cui anche la Gigafactory in Nevada e in seguito, al manager, erano state affidate altre importanti responsabilità, tra queste quella relativa alla costruzione della fabbrica di Shangai.

Non molto tempo addietro, Horetsky aveva ricevuto pubblicamente i complimenti da parte del CEO Elon Musk elogiando il manager per lo straordinario lavoro svolto con la nuova Gigafactory di Berlino. Tuttavia, vista la decisione presa dall’azienda in merito al licenziamento del manager, sono emersi alcuni problemi insormontabili. A quanto pare, alla base di tutto potrebbero esserci “incomprensioni” legate al mancato pagamento delle bollette dell’acqua del nuovo stabilimento a Barlino – e quindi la sospensione del servizio idrico – a causa di errori a livello informatico.

Anche se, alcuni giorni fa,  Michaela Schmitz, nonché Global Supply Manager of Construction di Tesla, avrebbe salutato il manager con queste parole: “È stato un onore lavorare per e con te. Lo finiremo per te, Giga Meister. Stai attento!!”. Ebbene, il post di Schmitz è stato pubblicato su LinkedIn prima che insorgessero i problemi legati alla bolletta dell’acqua. Ciò indica che le cause del licenziamento di Horetsky potrebbe essere altre.

Purtroppo, recentemente, l’azienda Tesla ha dovuto fare i conti con alcuni “intoppi” riguardanti – tra gli altri- la operazioni di bonifica e i gruppi di ambientalisti, senza contare il disaccordo da parte dei cittadini che abitano nella zona in cui sta per sorgere la nuova Gigafactory. Nonostante tutti questi problemi legati alla costruzione della nuova fabbrica di veicoli elettrici in Germania – compreso il licenziamento di  Evan Horetsky – sembrerebbe che i lavori non subiranno alcun ritardo. Dunque, se tutto proseguirà secondo i piani, il primo impianto Tesla presente in Europa comincerà con la produzione – in particolar modo l’inizio dell’assemblaggio della Model Y – già a partire dal secondo semestre del 2021. Infatti, recentemente l’azienda ha dichiarato:

“La costruzione della Gigafactory a Berlino continua a progredire rapidamente. Gli edifici sono in costruzione e il trasferimento delle attrezzature inizierà nelle prossime settimane. Allo stesso tempo, il team di Giga Berlin continua a crescere. La produzione dovrebbe iniziare nel 2021 “.