Ibride e Elettriche

Tesla: verniciature a confronto tra Fremont e Shanghai

La qualità delle auto prodotte da Tesla è sempre stata un punto di discussione, specialmente quando alcuni difetti erano così evidenti da far storcere il naso anche ai più convinti sostenitori del marchio firmato Elon Musk; il canale di YouTube RSymons, lo stesso che aveva confrontato la qualità degli assemblaggi di Model 3, ha confrontato – nello stesso istante – due Model 3 prodotte in due fabbriche decisamente diverse, Fremont e Shanghai.

Il test è focalizzato sulla qualità della verniciatura, da sempre un punto dolente per Tesla che insieme agli eccessivi spazi tra i pannelli – i cosiddetti panel gaps hanno afflitto le auto prodotte sin dall’inizio; la spiegazione, secondo molti, è la velocità con cui sono assemblate e la mancanza di un accurato controllo finale.

Nel test condotto da RSymon, viene notato come la verniciatura delle Model 3 prodotte in Cina sia migliore dal punto di vista tecnico, con una distribuzione del colore più uniforme soprattutto nelle parti più difficili da raggiungere; secondo un’analisi, nella Gigafactory cinese si sarebbe raggiunta una qualità di verniciatura pari a quella dei brand premium tedeschi.

La differenza di qualità non è però così netta ad occhio nudo, a meno che non si vada ad ispezionare in maniera minuziosa in aree specifiche solitamente non visibili; Elon stesso ha ammesso che i reparti di verniciatura delle nuove fabbriche saranno ancora più avanzati e che Fremont essendo la più anziana è sotto costante aggiornamento ma i problemi di spazio rendono il tutto più complesso.

Nello stesso video si vedono comparazioni tra varie Model 3 di colori diversi e tecnicamente risultano eccellenti ed uniformi mentre confrontando Model S e Model 3 si nota come sull’ammiraglia ci sia uno strato più spesso di vernice, probabilmente uno dei benefici di comprare una delle vetture più costose prodotte dal marchio californiano.

L’esemplare di Model S presente nel video, però , non è l’ultimo restyling che potrebbe rivelare sorprese – speriamo positive – anche per quanto riguarda la qualità degli assemblaggi e della verniciatura, oltre ad aver già destato scalpore con il suo particolarissimo volante a cloche.