Ibride e Elettriche

Toyota sviluppa una Mirai radiocomandata a idrogeno

Toyota Mirai, l’auto a idrogeno del brand giapponese, è giunta alla seconda generazione e rappresenta una delle pietre miliari per il segmento delle vetture a celle a combustibile. Il marchio a questo proposito, per mostrare la scalabilità dell’implementazione dell’idrogeno, ha collaborato con Tamiya e Bramble Energy per creare un modello radiocomandato in miniatura alimentato proprio a idrogeno.

Toyota ha affermato che questo modello è il primo RC nel Regno Unito ad utilizzare celle a combustibile a idrogeno e, come tutti i processi di miniaturizzazione, è lecito immaginare che inserire tutta questa tecnologia in una soluzione così piccola possa essere piuttosto complicato. Partendo dall’esterno, la scocca su misura creata da Tamiya è una replica 1:10 del Mirai di seconda generazione e sebbene non sia una copia esatta dell’auto reale, il modellino in scala con carrozzeria in plastica è facilmente identificabile. Per una corrispondenza ancora più ravvicinata, la vettura radiocomandata è stata dipinta in rosso Scarlet Flare, lo stesso colore che Toyota propone per il proprio modello non in scala.

Nato inizialmente come Tamiya TT-02 RC, è stato convertito da Bramble Energy in un propulsore a cella a combustibile a idrogeno. Questa soluzione ha richiesto pertanto l’installazione di un nuovo circuito stampato e naturalmente di un serbatoio. Mirai RC genera 20 Watt (circa 0,03 CV) di potenza scaricandola su tutte e quattro le ruote. Grazie alla tecnologia FCEV l’autonomia è più che raddoppiata rispetto ad un giocattolo a batteria, offrendo un’esperienza di guida decisamente più appagante.

Secondo Tom Mason, CEO e co-fondatore di Bramble Energy, la sfida più grande è stata quella di “rendere tutti i componenti necessari per far funzionare la cella a combustibile abbastanza piccoli e compatti da adattarsi al telaio Tamiya TT02 e all’interno del guscio dell’auto Mirai RC“. Parlando dei potenziali usi della tecnologia a idrogeno, il portavoce di Toyota UK David Rogers ha affermato che “le automobili sono la punta dell’iceberg per Toyota in termini di progresso verso una società a idrogeno”, aggiungendo che l’azienda sta pianificando di fare più “prove di celle a combustibile su autobus, treni, barche e forse anche appartamenti” con l’aiuto di ulteriori società in tutta Europa.