Trasporti

Tram a guida autonoma corre per la prima volta nel traffico

Questo fine settimana il primo tram al mondo a guida autonoma ha solcato le strade cittadine. È accaduto nella città di Potsdam, nella Germania orientale, e il rivoluzionario tram si chiama Combino ed è realizzato dall'azienda tedesca Siemens.

Combino ha percorso 6 km in un tracciato ad anello attraverso la città di Potsdam, partendo dal deposito della compagnia di trasporti ViP. Come ha sottolienato Sabrina Soussan, a capo di Siemens Mobility, si è trattato di una "prima mondiale, che dimostra i passi avanti fatti nella progettazione della mobilità del futuro".

Rispetto alle già popolari metropolitane a guida autonoma – che funzionano già anche in Italia – i tram sono più complessi da gestire perché devono tenere conto anche dei pedoni, delle automobili che attraversano i binari e di tutte le incognite che fanno parte del traffico reale. Ecco perché, più che a un convoglio della metropolitana, un tram a guida autonoma deve assomigliare di più a un'auto senza pilota.

Ecco perché Combino dispone di una dotazione tecnologia simile a quella delle automobili a guida autonomia: ci sono sensori lidar, radar e telecamere, che consegnano al sistema di navigazione un'immagine quanto più dettagliata possibile dell'ambiente circostante. Gli algoritmi di intelligenza artificiale raccolgono in tempo reale le informazioni provenienti da questi strumenti e le elaborano per riconoscere autonomamente gli ostacoli sul percorso, e prendere i provvedimenti del caso.

Fra le soluzioni che sono state implementate su Combino non manca il già rodato sistema di avviso di collisione "Siemens Tram Assistant", che è già presente sul tram Avenio M che opera a Ulm, in Germania, a supporto degli autisti in carne ed ossa.

Tram Siemens Combino 4

Da sottolineare che Combino non è ancora un mezzo commerciale: è un modello sperimentale che è stato messo in pista come dimostratore tecnologico di guida autonoma, che ha solcato le strade con un tour dimostrativo senza passeggeri a bordo per motivi di sicurezza. Ha ottenuto comunque il risultato desiderato: ha dimostrato cioè come un sistema di guida autonomo possa essere utile nel pilotare mezzi ingombranti e pesanti, limitando i rischi per i pedoni e per gli altri mezzi che si muovono sulla strada.

L'azienda di trasporti ViP e il produttore Siemens sono quindi a buon punto nello studio, e proseguiranno dall'esperimento del fine settimana per sviluppare ulteriormente il sistema. L'auspicio è che si arrivi un giorno a una versione commerciale di Combino. Il progetto tuttavia non si limita al tram, ma prescinde da una infrastruttura completa che le città smart dovranno avere in futuro, e che aiuti i sistemi di navigazione autonoma a muoversi con sicurezza.

Tram Siemens Combino 3

Sabrina Soussan ha infatti messo l'accento sul fatto che solo "rendendo intelligenti i mezzi e le infrastrutture sarà possibile migliorare la sicurezza negli spostamenti". Pensando a un tram a guida autonoma in giro per Milano, oltre alla smart city servirebbero barriere fisiche per evitare il parcheggio selvaggio sulle rotaie!


Tom's Consiglia

Va bene il progresso, ma siete nostalgici dei tram vecchio stile? Compratevi questo modellino in scala 1:24!