Auto

Visura auto: modalità di richiesta e costi

Se per l’acquisto di un’auto nuova la decisione potrebbe riguarda esclusivamente la scelta di un modello che soddisfi determinati requisiti per noi indispensabili, con un eventuale limite di spesa per i budget ridotti, nell’acquisto di un’auto usata è sicuramente fondamentale prestare attenzione e valutare alcuni paramenti. Non a caso, prima di proseguire dando il consenso all’acquisto di un veicolo e versare l’importo pattuito al venditore, sarà vostra cura verificare la situazione giuridico patrimoniale del veicolo. É infatti opportuno accertarsi che sul veicolo non ci siano vincoli che ne limitano la disponibilità, come sequestri, pignoramenti o eventuali fermi amministrativi.

Prima di acquistare una vettura, chiunque voglia controllare la presenza di vincoli può verificarlo gratuitamente inserendo targa, tipo veicolo e codice fiscale dell’intestatario, accedendo all’apposita funzione di verifica gravami e vincoli. Nel caso in cui si voglia invece avere un chiaro quadro della situazione giuridico patrimoniale è necessario richiedere la visura all’ufficio provinciale ACI – PRA. Vediamo dunque più nel dettaglio tutto quello che c’è da sapere sulla documentazione della visura auto.

Visura auto: cos’è?

Tale documento consente di controllare le informazioni giuridiche e patrimoniali relative a un determinato veicolo, motoveicolo o rimorchio registrato in Italia, a partire dalla targa del veicolo stesso. Controllando la targa di un’auto con una visura è possibile venire a conoscenza di dati tecnici del veicolo come marca, modello, numero di telaio, cilindrata e kW, congiuntamente al nome del proprietario. Non casualmente, il servizio di visura è disponibile per tutti i cittadini e può essere richiesto sia online che presso gli uffici specializzati; in entrambi i casi sono richiesti dei costi, seppur minimi.

Nel momento in cui si procederà con la richiesta di una visura PRA, si otterranno alcuni dati dettagliati come:

  • informazioni anagrafiche del proprietario come codice fiscale, data di nascita, luogo di nascita, residenza;
  • informazioni tecniche del veicolo, tipologia del veicolo, targa, anno di immatricolazione, kW, cilindrata, telaio, tipo di alimentazione, classe e tipo di uso al quale è destinato;
  • numero di possessori precedenti (se più di uno)
  • eventuali gravami;
  • informazioni riguardanti il certificato di proprietà (CPD)

Visura auto, caratteristiche e utilità

Innanzitutto, partiamo con il ribadire che la visura auto riporta i dettagli della vettura includendo non solo i dati tecnici ma anche quelli relativi ai proprietari, congiuntamente ad eventuali ed importanti annotazioni giuridiche. Conoscere la storia del veicolo sarà infatti fondamentale per venire a conoscenza di dettagliate informazioni e verificare che lo stesso veicolo sia totalmente estraneo ad eventuali fermi amministrativi o conseguenti sequestri e pignoramenti. Oltre a ciò, è fondamentale che il veicolo risulti regolarmente iscritto al PRA.

A tal proposito non possiamo non sottolineare l’importanza di accertare che il veicolo non sia stato cancellato dal PRA, soprattutto se il veicolo è stato immatricolato da molti anni, come nel caso di un veicolo storico. Sappiamo, infatti, che un veicolo cancellato dal PRA non può circolare su strada e, in questo caso, occorrerà necessariamente richiedere una nuova immatricolazione ad un ufficio provinciale della Motorizzazione Civile, che verrà rilasciata solo se il veicolo rispetta la normativa vigente in tema di emissioni inquinanti e di sistemi di sicurezza. Una volta ottenuta la re-immatricolazione, con rilascio di nuove targhe, si potrà poi richiedere l’iscrizione al Pubblico Registro Automobilistico.

Chiunque vostra fare richiesta per ottenere la visura auto deve procedere con apposita istanza al Pubblico Registro Automobilistico con possibilità di procedere con la richiesta all’ufficio provinciale ACI oppure tramite il servizio dedicato di visura auto online. 

Quali tipologie di visure esistono?

Esistono diverse tipologie di visure, ovvero per nominativo e per targa. Nel primo caso, il proprietario (privato) può richiedere una lista dei veicoli intestati a proprio nome nell’archivio del PRA sulla base dei propri dati anagrafici. La visura nominativa, si distingue a sua volta in attuale e storica. La prima che fornisce una lista di tutti quei veicoli attualmente intestati a colui che ne fa richiesta, e la seconda che riguarda tutti i veicoli che sono stati intestati al richiedente nel corso degli anni. A tal proposito sottolineiamo che è possibile procedere con la richiesta di visura nominativa solo per sé o, eventualmente, in caso di erede. Per quanto riguarda invece la visura per targa, questa permette di ottenere informazioni tecniche riguardanti un veicolo o dati anagrafici del proprietario, sulla base del numero di targa. In questo caso si verrà pertanto a conoscenza di apposite informazioni relative sia al proprietario che al veicolo (modello, marca, cavalli, numero del telaio). Non a caso, tale tipologia di visura fornisce al futuro acquirente del veicolo tutti i dati necessari ad attestare con certezza di poter circolare liberamente.

Come si può richiedere?

Per richiedere la visura auto si dovrà proporre istanza al PRA, il Pubblico Registro Automobilistico, e si potrà procedere sia presentando la richiesta presso l’ufficio provinciale ACI che tramite il servizio di visura auto online. Come accennato, la visura auto ha un costo da sostenere che varia in base all’esercente.

Per poter avere una visura online sarà necessario collegarsi al sito dedicato e selezionare la voce “Visure Pra”, dove il richiedente dovrà compilare tutti i campi inerenti ai dati anagrafici, congiuntamente ai dati per i quali si sta chiedendo la visura.

Visura e costi

L’importo complessivo richiesto per il documento è pari a 8,83 euro, di cui 6,00 per il costo della visura e 2,23 + IVA al 22% per il costo del servizio telematico. Nel caso in cui decidiate invece di richiedere la visura auto presso le Unità Territoriali ACI – PRA si dovrà versare un importo che varia da 15 a 20 euro.