Auto

Volkswagen, Diess contro l’abolizione del carbone

Il CEO del gruppo Volkswagen, Herbert Diess, ha mostrato la sua insoddisfazione relativa alle decisioni prese in occasione del vertice dei Paesi del G7 su trasporti ed ambiente. Il numero uno della Casa di Wolfsburg ha infatti diffuso il suo messaggio tramite un tweet in cui sottolinea una netta insoddisfazione per quanto deciso dai leader del mondo in merito alla mancanza di una data ufficiale per lo stop di una delle fonti fossili a più alto impatto ambientale.

Non dimentichiamo che la casa automobilistica Volkswagen ha previsto di essere carbon neutral entro il 2050 e di avere come parte della gamma almeno una versione green per ogni modello entro il 2030.

Non è abbastanza, G7. Gli obiettivi sono deludenti: dovremmo uscire dal carbone molto prima! Le auto elettriche sono la chiave per raggiungere gli obiettivi climatici del 2030. Ma le elettriche hanno senso solo usando energia verde, lasciando che vengano ricaricate attraverso il carbone è un contro ogni logica, queste le parole di sfogo  con annesso il tag al profilo del G7 e al premier britannico Boris Johnson.

Non casualmente, il lavoro congiunto portato a termine insieme ad Australia, Corea del Sud, India, Sudafrica, Onu e Oms, ha confermato la volontà di fare il possibile al fine di mantenere l’aumento della temperatura al di sotto di 1,5 gradi, cosi come l’intenzione di azzerare le emissioni inquinanti al più tardi nel 2050. Tuttavia, gli Stati si impegneranno per aumentare il contributo destinato al fondo da 100 miliardi di dollari annuale per i Paesi in via di sviluppo. Ma parliamo di obiettivi piuttosto generici.

Non sono mancate le parole della presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen, che ha dichiarato :

Dobbiamo decarbonizzare il settore energetico. Il 25% dell’energia dell’Unione europea viene da fonti rinnovabili: puntiamo a salire al 38% per il 2030.

Siete alla ricerca di un gadget della Casa di Wolfsburg? Il portachiavi con logo Volkswagen è disponibile su Amazon.