Ibride e Elettriche

Volkswagen ID.4 GTX, quasi pronta l’ammiraglia elettrica ad alte prestazioni

Con ID.4 GTX, il gruppo tedesco svela per la prima volta una vettura elettrica dotata del badge GTX che si affiancherà alle linee di prodotti GTI, GTD e GTE utilizzate da Volkswagen su diverse soluzioni endotermiche. Secondo il produttore, con ID.4 GTX verrà finalmente evidenziato come la sostenibilità e la sportività possano coesistere all’interno dello stesso prodotto.

Mentre la linea GTI è incentrata sulla Golf, Volkswagen ha scelto di utilizzare l’ID.4 per il primo modello GTX sia per la crescente importanza del mercato dei SUV sia per la decisione di utilizzare un propulsore bimotore, che la più piccola ID.3 non sarebbe stata in grado di gestire. L’ID.4 GTX presenta una serie di elementi stilistici di nuova concezione progettati per differenziarla in maniera netta dalla normale ID.4; ad esempio, sono presenti nuove griglie, paraurti rivisti, spoiler maggiorato e una firma luminosa LED più accattivante.

L’interno integra una combinazione di colori scelta dal cliente, con inserti delle portiere in similpelle e cuciture rosse a contrasto. Nonostante il badge GTX, non sono presenti i classici interni scozzesi che contraddistinguono gli allestimenti GTI, GTE e GTD.

Il propulsore della GTX prevede un motore a magneti permanenti (PSM) da 201 CV sull’asse posteriore e un motore asincrono (ASM) sull’asse anteriore. I due motori, insieme, offrono una potenza di 295 CV, anche se Volkswagen deve ancora confermare la coppia erogata. Il sistema può spingere l’ID.4 GTX da fermo a 100 km/h in 6,2 secondi, con una velocità massima limitata a 180 km/h.

Il sistema di trazione integrale è controllato dal computer di bordo e determina come utilizzare la coppia disponibile per bilanciare efficienza, prestazioni, dinamiche di guida e stabilità. L’impostazione predefinita invia la potenza solo all’asse posteriore delegando l’utilizzo del motore anteriore solo in alcune specifiche situazioni dove è richiesta maggiore potenza. Presente a bordo una batteria da 77 kWh, la più grande disponibile per l’ID.4, da circa 480 kg, capace di offrire un’autonomia di 480 km nel ciclo WLTP.

Per i più sportivi, è previsto un pacchetto aggiuntivo che riduce l’altezza da terra di 15 millimetri e integra un sistema di sterzo più progressivo e preciso. Inoltre, il pacchetto Sport Plus aggiunge il controllo adattivo del telaio DDC che consente di gestire gli ammortizzatori per rendere la vettura più dinamica nelle curve. Disponibile a partire dalla prossima estate in Germania, ID.4 GTX partirà da circa 50mila euro. Prevista, in futuro, anche una variante sportiveggiante forse con il badge “R” di ID.3. Nessuna informazione per quanto riguarda l’Italia anche se non è difficile immaginare una finestra di lancio vicina a quella tedesca.