Hot topics:
News su Black Friday 2017
2 minuti

Il bruco robot per le colonscopie è un'invenzione italiana

È in uso all'ospedale di Volterra il Sistema Endotics, un bruco meccanico capace di svolgere le colonscopie senza fastidi per i pazienti.

Il bruco robot per le colonscopie è un'invenzione italiana

Un bruco robotico monouso è la nuova soluzione tecnologica per eseguire colonscopie indolori. Sviluppato da Era Endoscopy, spin-off della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, il Sistema Endotics è stato adottato dall'ASL 5 di Pisa presso l'ospedale di Volterra.

Come spiegato nella pagina ufficiale, Endotics è stato ideato osservando i bruchi geometridi, e consiste in una sonda che procede autonomamente all'interno del colon mimando il movimento dei bruchi. La novità non è solo nella meccanica, perché il suo impiego porta innanzi tutto benefici al paziente, che non deve essere sottoposto ad anestesia, non prova dolore e non corre nessuno dei rischi legati alla colonoscopia.

Endotics

Ai fini dell'esame poi il prodotto è perfetto perché la parte distale della sonda può essere orientata di 180° lungo ogni asse e il bruco meccanico integra una telecamera CMOS ad alta risoluzione e un sistema a luce fredda che permettono un'ottima visione.

Il funzionamento è semplice: il "bruco" viene pilotato mediante un sofisticato sistema elettro-pneumatico, controllato da un software dedicato, che guida la sonda attraverso le anse intestinali eseguendo i comandi impartiti dal medico tramite una console di comando.

Endotics

Quanto al dolore, il bruco è flessibile, e proprio grazie al tipo di locomozione descritta è capace di adattare dinamicamente la sua forma alle curve del colon minimizzando le deformazioni innaturali intrinseche nella colonscopia convenzionale.

Assunto che la colonscopia è e resta un esame sgradevole, grazie a questa tecnologia made in Italy coloro che dovranno sottoporvisi dovranno sopportare meno fastidi. Il prossimo passo nella ricerca sarà quello di sviluppare un'altra sonda capace di effettuare prelievi bioptici.

Vuoi ricevere aggiornamenti su #Spazio?
Iscriviti alla newsletter!