Hot topics:
3 minuti

Buon compleanno Open Source! La condivisione compie 20 anni

Nell'inverno del 1998 Netscape annunciava l'apertura del codice sorgente del proprio browser: nasceva così il concetto di open source, che faceva da ponte tra le posizioni più puriste di chi sosteneva già da decenni il software libero e il mercato più mainstream. Da allora molte cose sono cambiate, ma il dibattito è ancora vivo.

Buon compleanno Open Source! La condivisione compie 20 anni

Era il 23 gennaio del 1998 quando Netscape, azienda che aveva appena comunicato risultati finanziari disastrosi, fece due annunci a sorpresa che presero in contropiede l'intero mercato: la disponibilità gratuita del suo browser Communicator e soprattutto quella del suo codice sorgente (a partire dal 31 marzo dello stesso anno). Nascevano così le basi di Mozilla.org e dell'Open Source, nome che emerse sui media dopo accese discussioni, consultazioni di avvocati e sviluppatori e qualche telefonata a Netscape.

Ovviamente, il problema della condivisione del software era già stato posto molto prima del 1998, diciamo forse già a partire dagli anni '40 con lo sviluppo dei primi calcolatori, e per tutti gli anni settanta i produttori di hardware cercarono di favorire la diffusione del software fornendolo in bundle con i propri dispositivi. La condivisione del codice inizia dunque con l'informatica stessa ed è piuttosto l'adozione di licenze restrittive in un momento storico e di mercato ben preciso a porre le basi per la nascita del software proprietario. Questa però è un'altra storia.

open source   kizilkayaphotos thumb800

Qui è più importante sottolineare che nonostante termini come software libero e open source siano comunemente utilizzati come sinonimi, rispondono in realtà a visioni molto differenti. Le posizioni di gente come Richard Stallman della Free Software Foundation, del creatore di Linux Linus Torvalds e delle aziende che aderiscono alla Open Source Initiative infatti non coincidono né sono sovrapponibili.

In particolare la OSI ha definito il termine open source per descrivere soprattutto libertà di intervenire sul codice sorgente di un'opera, mentre il concetto di software libero descrive più generalmente le libertà applicate all'opera stessa, anche se ciò ha come indispensabile prerequisito che il suo codice sia consultabile e modificabile, rientrando generalmente nella definizione di open source.

Catincan

Da allora la tensione, dialettica ma non solo, tra chi aderisce all'approccio ideologicamente purista di Stallman al software libero e chi invece è più orientato alle posizioni "market friendly" della Open Source Initiative non si sono mai sopite. Al di là di come la si pensi però è necessario riconoscere che in questi 20 anni, se il mercato è cambiato e si è evoluto così tanto, se abbiamo prodotti come Android, Firefox, VLC, Gimp, 7-Zip, OpenOffice, LibreOffice e oltre l'80% dei siti web usa linguaggi di programmazione server-side o client-side open source come PHP o JavaScript e server web open source, il merito è anche di quell'azienda che, il 23 gennaio del 1998, decise di aprire il proprio codice sorgente agli sviluppatori indipendenti.  


Tom's Consiglia

Vi piacerebbe approfondire i temi legati all'Open Source e al software libero? Libero & Aperto è un buon punto d'inizio.

AREE TEMATICHE
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Software?
Iscriviti alla newsletter!