IT Pro

AI a tutto campo con AIRI di Pure Storage

Pure Storage, società che sviluppa soluzioni storage all-flash ha annunciato la disponibilità di AIRI, una soluzione all-in-one sviluppata congiuntamente a NVIDIA.

La nuova architettura, ha illustrato Alfredo Nulli, Principal Systems Engineer EMEA della società, coniuga lo storage all-flash ad alta capacità e bassissima latenza fornito dalla tecnologa Flashblade di Pure Storage con le elevatissime capacità di calcolo parallelo delle GPU della piattaforma DGX di NVIDIA.

La combinazione delle due tecnologie in un’architettura in grado di supportare sia lo scale-out che lo scale-up apre la strada ad una forte evoluzione nel campo del computing e dell’intelligenza artificiale su larga scala per aziende di settori di punta e critici sia della PA che del mondo Industry nonché dei provider di servizi cloud, dove il fattore capacità elaborativa e velocità si coniuga con l’esigenza di contenere spazi e consumi energetici.

Pure STorageAlfredo Nulli
Alfredo Nulli

L’esigenza di una architettura ideata per trarre il meglio dalle tecnologie ad alte prestazioni come quelle garantite da GPU a elevato calcolo parallelo e storage flash con bassissima latenza utilizzato in modo estensivo a livello 1 deriva dalla necessità di vari settori di sfruttare appieno le opportunità create dall'AI, opportunità che un’architettura convenzionale spesso impedisce di perseguire a causa degli incompatibili tempi di accesso a uno storage multi-layer, a processori con limitate capacità di I/O e a reti di interconnessione non in grado di smaltire l’elevato traffico tra CPU e storage di una applicazione di AI.

Due gli elementi chiave di AIRI, ha illustrato Nulli. Il primo è l’unità Flashblade, una soluzione ultracompatta di storage flash che riesce ad erogare in un solo rack di 4U le prestazioni in termine di capacità dell’equivalente di dieci rack disco convenzionali, con capacità di I/O enormemente superiori e adatte alle esigenti necessità dl calcolo parallelo e dell’intelligenza artificiale.

Il secondo elemento sono i server NVIDIA DGX, che sono in grado secondo dati di targa di erogare la capacità elaborativa equivalente di 10 rack server convenzionali.

A parte i benefici derivanti dal disporre di storage e capacità di calcolo ad alto potenziale in grado di soddisfare le severe esigenze di applicazioni di AI, sono evidenti, osserva Nulli, i più che consistenti benefici derivanti dal consolidamento che viene reso possibile in termine di spazi occupati in un data center nonché la forte riduzione di necessità in termini di consumi energetici e di condizionamento che ne derivano, cose che da sole permettono di accelerare notevolmente il ritorno dell’investimento tecnologico.