Manager

AirWatch by VMware aggiorna il Secure Content Locker

AirWatch, società posseduta da Vmware, ha aggiornato la soluzione Secure Content Locker con nuove funzionalità che le hanno valso l'ingresso nel Magic Quadrant di Gartner per la sincronizzazione e condivisione dei file aziendali.

AirWatch Secure Content Locker è, infatti, una soluzione per l’archiviazione flessibile dei contenuti, che fornisce inoltre sicurezza, prevenzione della perdita dei dati, sincronizzazione e condivisione dei file, creazione, annotazione e analisi dei file, per rendere i contenuti sempre disponibili agli utenti e su tutti i dispositivi.

Secondo quanto comunicato, i principali aggiornamenti apportati al Secure Content Locker includono:

  • Plugin Outlook per condividere i file del Secure Content Locker tramite link, in modo tale da prevenire la perdita dei dati;
  • social feed sui contenuti personali degli utenti, per creare e tener traccia delle conversazioni garantendo capacità d'interazione;
  • interazione con i documenti senza necessità di effettuarne il download;
  • sincronizzazione con il desktop, per inviare contenuti da un computer fisso direttamente sul Secure Content Locker;
  • traccia delle azioni dell’utilizzatore, per esempio quando aggiunge, cancella, sposta, rinomina o ripristina un file o una cartella;
  • trasferimento della proprietà dei contenuti e capacità di mantenere cartelle condivise.

Sincronizzazione e contenimento dei contenuti

Sono inoltre state migliorate alcune caratteristiche sul lato gestionale della soluzione:

  • analisi delle dashboard per visualizzare rapidamente lo stato dei contenuti, i contenuti richiesti mancanti, i contenuti più e meno visualizzati e l’adozione di contenuti personali;
  • supporto ottimizzato per download automatici;
  • supporto per tipologie di file aggiuntivi come WAV, RAR e ZIP.

Infine, per quanto riguarda le applicazioni mobili sono stati introdotti tre miglioramenti, disponibili entro la fine di agosto, per i tre sistemi operativi iOS, Android e Windows Phone.

Più in dettaglio, è stato introdotto un aggiornamento all’applicazione sviluppata per iOS 2.3, che ora supporta la creazione di file, i feed delle attività recenti, la sincronizzazione bidirezionale con OneDrive e Google Drive, strumenti per la ricerca, la distribuzione dei contenuti richiesti dall’amministratore e miglioramenti nella sicurezza.

Mentre l’aggiornamento all’applicazione sviluppata per Android 2.1 include una revisione dell’interfaccia utente delle azioni dei file per un flusso più intuitivo, supporto delle azioni di massa, la condivisione delle cartelle, il suggerimento dei contenuti.

L’applicazione sviluppata per Windows Phone 1.2 supporterà la condivisione di cartelle e file, l’apertura dei documenti con un solo click; miglioramenti all’archivio, il salvataggio degli allegati email crittografati o non e l’utilizzo su Windows 8.1.