Opinione

Coltivare una community su Instagram

Il digitale ha aperto le strade a tantissime nuove modalità di comunicazione, accendendo i riflettori su opportunità fino a poco tempo prima impensabili. Una delle più importanti di esse è sicuramente la community. Ma com’è possibile curare una community nel migliore dei modi e dare così una spinta al nostro business?

A parlarci dell’argomento, in questa puntata di Imprenditori in Video con Manabe Repici, è Grace The Amazing. Grace è un Instagram e community specialist, che aiuta con la sua esperienza aziende e professionisti a crescere su Instagram in modo organico e coinvolgendo la community.

Grace The Amazing offre ai propri clienti queste opportunità attraverso coaching, webinar e consulenze private. Il tutto con un metodo orientato ai risultati e con come fine quello di creare una solida community attorno al proprio brand.

Grazie alla sua grande esperienza, Grace The Amazing ci racconta quindi l’importanza di puntare sulla community e quelli che sono i segreti per farlo in modo virtuoso, coltivando così un legame speciale e fruttuoso con il proprio pubblico.

Come comunicare su Instagram

Grace è un Instagram e community specialist. La sua mission è quella di aiutare le persone, facendo loro formazione su come usare al meglio le proprie pagine Instagram per ottenere i risultati sperati. Obiettivi che persegue con diversi servizi, come webinar, coaching e consulenze.

Ma se si vuole buttarsi su un social network, qual è il primo passo da fare? Come dichiarato da Grace a Manabe, l’aspetto più importante è capire quale sia il proprio target e quali siano le sue abitudini. Una volta capito ciò si può cominciare sulla piattaforma più adatta al proprio pubblico.

Un errore da non fare è quello di cercare di arrivare insieme a più target. La comunicazione deve essere infatti diversificata e, cercando di accontentare entrambi, si rischia di scontentare tutti e due. Il consiglio, in questo caso, è quello di usare due piattaforme diverse o giocare sulla dualità profilo aziendale e profilo personale.

La filosofia di comunicazione dietro Instagram ben si adatta infatti alla comunicazione 1 a 1 ed è quindi perfetta per lavorare su un personal brand. Concetti che possono essere riportati anche nelle pagine aziendali, in cui si può comunque portare una faccia con cui i follower possono interfacciarsi.

instagram_cover

Per ottenere il massimo da queste peculiarità, la strada consigliata da Grace a Imprenditori in Video è quella di creare una pagina del brand e una del fondatore o del dirigente. Nella prima ci saranno le comunicazioni più istituzionali, nella seconda si racconterà più il dietro le quinte creando empatia nei follower.

Su Instagram vige quindi un peculiare ma efficace mix di informazioni personali e professionali, una commistione che permette di curare sia il personal brand che quello aziendale. Il tutto mettendo la community sempre al centro, intervallando contenuti in grado di dare valore e altri d’intrattenimento.

L’importanza di una community

La chiave per ottenere il massimo da Instagram è, come dichiarato da Grace a Manabe Repici, quella di puntare sulla community. Un fotografo, ad esempio, che ora non può purtroppo lavorare causa lockdown, ben può lavorare sui social raccontando vecchi use cases e dando consigli ai propri followers. In tal modo riesce a creare empatia e dialogo con la propria community.

Così come un fotografo, qualsiasi altro professionista o impresa possono adottare questa modalità. Una volta che il lockdown sarà finito le persone andranno infatti da chi ha tenuto loro compagnia, dando loro valore in questi mesi.

Il consiglio di Grace è quindi quello in tale ambito di dare supporto alle persone, aiutandole a risolvere i dubbi e rassicurandole. Lavorare sulla community è un investimento a lungo termine, in grado di preparare il terreno per tempi migliori.

Crescere su Instagram

Uno dei principali aspetti positivi di Instagram, per coltivare una community e il proprio profilo, è poi dato dal grande numero di strumenti di comunicazione messi a disposizione. Post, storie, feed, reel, live e altro ancora: le strade in tal senso sono veramente molte.

Social Video Marketing

Ma qual è il percorso migliore da seguire se si parte da zero? Come dichiarato da Grace a Manabe Repici, sicuramente da post e storie, con quest’ultime che sono ancora più fondamentali. Storie che riescono infatti a creare particolarmente empatia grazie al loro essere spontanee.

Pian piano che il profilo cresce si possono poi cominciare a inserire nel proprio piano editoriale altre modalità di comunicazione, come le live o i reel. Il consiglio di Grace per meglio capire come integrare questi strumenti è quello di scrivere su un foglio le proprie idee e cercare di capire quale di questi è più adatto per esprimerle.

La crescita su Instagram può con questi consigli essere ottenuta in modo organico, impiegando tempo e lavoro. C’è però una seconda strada ed è quella della crescita a pagamento, dove si raggiungono prima numeri importanti, ma la connessione con la propria community potrebbe essere più debole.

Il consiglio è in ogni caso quello di cominciare a usare Instagram e coltivare la propria community. Farlo nel modo corretto può infatti rivelarsi una fonte di vantaggio competitivo per un’attività, nonché un investimento a lungo termine in grado di dare grandi risultati.

Se non l’hai ancora fatto, puoi scaricare il bunde contenente ben due guide definitive: la Guida Definitiva per Video Efficaci con il Telefono e la guida Social Video Marketing: Influenza il tuo Settore e Domina il Mercato!