Manager

Con il Value Accelerator di Teradata l’IoT a portata di mano

Teradata, azienda focalizzata sugli analytics, ha annunciato la disponibilità di quattro potenti acceleratori che trasformano più rapidamente i dati IoT in informazioni fruibili.

Gli “Analytics of Things Accelerators” (AoTAs) sono il risultato del lavoro svolto sul campo a fianco di grandi e innovative aziende nel settore manufatturiero, dei trasporti, dell'estrazione mineraria, energetico e delle utilities.

Teradata   Oliver Ratzesberger
Oliver Ratzesberger

Elemento chiave degli acceleratori, ha illustrato l’azienda, è che si tratta di applicazioni ideate per ridurre rischi e costi di implementazione, generare valore in modo più rapido e garantire rendimenti di molto superiori agli investimenti iniziali da affrontare.

Gli AoTAs aiutano le aziende a selezionare su quali dati provenienti da sensori fare affidamento, e individuano le tecniche analitiche migliori per affrontare specifiche esigenze di business. Allo stesso tempo, aiutano a passare da progetti sperimentali a soluzioni di classe enterprise con migliaia di dispositivi collegati. Nello specifico, includono:

  • Condition-Based Maintenance Accelerator: monitora e analizza in continuazione i dati provenienti da dispositivi remoti di diverse dimensioni per aumentarne la disponibilità, migliorarne la sicurezza e ridurre i costi.
  • Manufacturing Performance Optimization Accelerator: identifica i problem di produzione dalle prestazioni delle apparecchiature per poter attivare una rapida azione correttiva.
  • Sensor Data Qualification Accelerator: automatizza la frequenza ottimale delle letture dei sensori basandosi sulla rilevazione delle anomalie.
  • Visual Anomaly Prospector Accelerator: esamina grandi quantità di dati MTS (multidimensional time series) provenienti dal monitoraggio di dispositivi remoti, e aiuta visivamente l’utente a individuare le anomalie che spesso precedono un evento critico.

"Per migliorare il TCO dei clienti di Caterpillar, ora abbiamo i feed dei sensori montati sul motore che mostrano da remoto dove e quando c’è bisogno di un intervento, permettendoci di prevedere i guasti in tutta la nostra flotta. In questo modo siamo in grado di realizzare con anticipo l’inventario delle parti di ricambio e di raccomandare attività di manutenzione proattiva. Progetti di questo tipo ci stanno portando ad attivare nuovi modelli di servizi, con ricavi da nuovi tipi di contratti di servizio e dai processi di monitoraggio e di intervento specializzati", ha dichiarato Scott Ulrich, senior Engineering team leader, Grande Power Systems Division di Caterpillar.

CATERPILLAR 2
Sensori IoT mantengono efficienti i motori Caterpillar

Le previsioni stimano in 21 miliardi gli oggetti che saranno connessi nell'universo digitale entro il 2020. Con volumi di dati generati dall’IoT che già fanno impallidire I flussi di dati provenienti dai social media, i responsabili IT devono iniziare già ora, mette in guardia Teradata, a stabilire i requisiti necessari a sostenere l'adozione e la messa in opera delle capacità IoT.

Oltre a stabilire i requisiti devono anche sviluppare strategie, processi e piani di esecuzione per garantire che i dati siano ottimizzati per fornire un ROI convincente.

"Gli AoTAs Teradata stanno già affrontando e risolvendo problemi da centinaia di milioni di dollari per i produttori di veicoli, attrezzature, sistemi petroliferi, e beni di consumo. Queste sono sfide che vedono coinvolti budget da miliardi di dollari per ogni azienda, tanto è il valore dei business a cui si rivolgono gli AoTA. Ad esempio, i nostri AoTA hanno aumentato l'efficacia complessiva delle apparecchiature dell’85%, migliorando anche la prevedibilità e l’utilizzo delle risorse. Stiamo riscontrando un grandissimo interesse per i nostri acceleratori, perché il ROI ha una portata eccezionale e un notevole impatto sul business", ha evidenziato Oliver Ratzesberger, vice presidente esecutivo e Chief Product Officer di Teradata.