IT Pro

Con VMware Horizon il desktop non è più lo stesso

Pagina 1: Con VMware Horizon il desktop non è più lo stesso

Il mondo cambia e cresce l’esigenza di portarsi dietro i dati, le applicazioni e l’ambiente di lavoro per potervi accedere sempre e ovunque tramite il proprio dispositivo preferito.
A queste esigenze si indirizza Horizon Suite, la nuova piattaforma proposta da VMware che comprende i tre componenti View, Mirage e Workspace, che rispondono alle esigenze di flessibilità e sicurezza di un ambiente di lavoro virtuale, fisico e mobile.
Tramite questa suite VMware delinea un approccio strategico indirizzato ad affrontare le nuove esigenze legate al mutamento del paradigma del modo di lavorare attraverso un percorso evolutivo di modernizzazione del posto di lavoro che sposta il focus dalla postazione fisica dell’utente alle sue esigenze operative, attraverso un approccio logico e virtualizzato che avvicina il desktop al servizio accelerando i tempi di provisioning e di aggiornamento e che lascia all’utente ampia flessibilità operativa pur garantendo un controllo centralizzato e sicuro da parte dell’IT.

Luca Zerminiani, Senior System Engineer VMware Italia

L’evoluzione proposta da VMware prevede, innanzitutto, la ridefinizione del modello di desktop tramite Mirage e View che affrontano questo tema con modalità diverse che rispondono a differenti condizioni ed esigenze. Una volta compiuto questo passaggio, VMware prevede l’approdo a Workspace che permette di aggregare i dati e le applicazioni (incluse quelle Web e utilizzate in modalità SaaS) collocandoli all’interno di una sorta di 'catalogo' centralizzato, collocato in un cloud privato o ibrido e controllato dall’IT, a cui l’utente può accedere per decidere cosa utilizzare o attivare.

"Attraverso Horizon Workspace, l’IT diventa un centro di distributore degli strumenti aziendali disponibili e di cui l’utente finale può fruire – ha spiegato Luca Zerminiani, Systems Engineer Director di VMware Italia -. In più è presente un concetto di marketplace, poiché l’utente ha capacità di operare in modalità self service".