Scenario

Counterpoint rivela: gli smartphone Nokia al primo posto nella classifica Trust 2020

Counterpoint Research ha annunciato che i telefoni Nokia guidano la classifica Trust 2020 per gli smartphone Android in termini di software, sicurezza, qualità di costruzione e device enterprise-recommended per il secondo anno consecutivo, superando alcuni del più noti brand del settore. I risultati della ricerca sono riassunti nel whitepaper dal titolo “Nokia Phones Lead the Trust Rankings based on Software, Security Updates and Build Quality” pubblicato a questo indirizzo.

Risultati che arrivano in un momento in cui il mondo si sta adattando al “Covid-19 normal”, ma lo stanno facendo anche i cybercriminali. L’esigenza di sicurezza negli smartphone è quindi ancora più sentita: il 39% degli utenti mobile aziendali hanno visto compromissioni alla sicurezza (The Verizon Mobile Security Index Report). Gli esiti di App Annie mostrano che l’utilizzo di business app è cresciuto del 220% nel primo semestre 2020 (rispetto al 2019).

nokia

Da parte loro, i dati PwC indicano che 1/5 dei dipendenti si ritiene vulnerabile nei confronti del cybercrime. Il recente rapport Europol ‘Internet Organised Crime Threat Assessment (IOCTA)’ ha registrato un aumento delle attività criminali cyber-related, e gli esperti ritengono che la spesa globale per combattere le minacce raggiungerà i mille miliardi (Darius McDermott, FundCalibre).

Per il secondo anno consecutivo quindi, Nokia si prende il primo posto del Trust Rankings di Countepoint Research. Il produttore finlandese è ancora il migliore in assoluto sia per la velocità di distribuzione degli aggiornamenti che per la qualità costruttiva e offerta di modelli adatti all’utenza business. Di fatto, sono pochi i produttori che rilasciano aggiornamenti continuativi per Android e HMD Global (che produce i Nokia) è tra questi, avendo scelto di seguire le linee guida di Android One. Tutti i dispositivi del gruppo ricevono patch di sicurezza quasi contemporaneamente al rilascio del codice da parte di Google, promettendo almeno due nuove versioni del sistema operativo.