Reseller

Dell-Sonicwall integrazione di prodotti e canali a tutela del BYOD

Le varie acquisizioni compiute negli ultimi anni e l'orientamento verso ambiti non unicamente collocabili in area hardware desktop, tolgono a pieno titolo l'impronta di pc vendor che ha caratterizzato Dell fin dalla sua nascita, collocandola nell'area dei fornitori completi di tecnologia.

Il tassello della sicurezza, il vendor l'ha colmato abbondantemente con l'acquisizione di Sonicwall, ormai integrata some azienda, come offerta e come canale, all'interno dell'universo Dell.

"Da circa un anno e mezzo a questa parte, ormai, l'acquisizione di Sonicwall da parte di Dell è stata 'digerita' – afferma Emiliano Cafferata, team leader per la parte security in Dell e giá country manager di Sonicwall per l'Italia -, e così la nostra offerta, già da tempo orientata a coprire il fenomeno del BYOD, ben si adatta all'ormai ampio carnet di prodotti e soluzioni di Dell, riuscendo a risolvere i diversi aspetti ed esigenze di sicurezza".

Emiliano Cafferata – team leader per la parte security in Dell Italia

Un'integrazione dell'offerta prodotti che si è accompagnata anche da una graduale armonizzazione delle strategie di canale, portando le caratteristiche dei dealer Sonicwall a essere pienamente in linea con le attività del programma di canale Partner Direct di Dell.

"Sonicwall ha da sempre lavorato attraverso l'indiretta, mentre l'approccio don le terze parti di Dell è relativamente recente – continua Cafferata -. Per questo abbiamo voluto dare delle tutele ai partner che già vendevano i nostri prodotti per la sicurezza che non ci sarebbe stato alcun tipo di interferenza di vendita diretta. Un lavoro che ha portato oggi i nostri system integrator ad avere lo stesso supporto in termini di formazione e di marketing, senza che vi sia stata cannibalizzazione del loro business, anzi, con in più la possibilità di acquisire una forte visibilità sul mercato grazie alla notorietà del brand Dell".

Un canale, quello di Sonicwall, che conta oltre 15.000 partner a livello worldwide, a coprire un mercato di più di 20 milioni di appliance installate. "I nostri partner sono seguiti con un supporto per lo sviluppo del mercato, con attività sui clienti finali, scouting di nuovi nominativi, con eventi che consentono loro di incontrare nuovi utenti finali" specifica il manager, che prosegue:

"Dal punto di vista dell'offerta, i nostri prodotti ben si adattano, grazie alla loro flessibilità, ai mercati di diverse dimensioni, dalle piccole alle grandi aziende, e ben si integrano con gli altri due brand in ambito sicurezza che sono stati acquisiti da Dell: Kace e Quest, andando a coprire ambiti diversi per la sicurezza e il monitoraggio dei dati e degli accessi, riuscendo a dare una soluzione unica e completa monitorata e collaudata da SecureWorks, il team di analisi per la sicurezza in Dell di provenienza militare".

Un'integrazione di offerta che viene supportata anche da un forte sforzo di formazione sui partner, anche quelli non avvezzi alla sicurezza. Molti sono, infatti, i dealer di Dell che hanno iniziato ad approcciare la sicurezza dal momento dell'acquisizione, tutelati da un Partner Program che mette a disposizione training gratuito.

Un interesse trainato dal trend crescente del BYOD, strettamente legato alla grande share che i tablet stanno conquistando, e che a sua volta richiama nuove esigenze di sicurezza, visto che la loro esposizione ai malware sta crescendo enormemente, agevolata dalla tecnologia LTE che sta rendendo il trasferimento e furto dei dati estremamente veloce.