Software & Hardware

Dynatrace punta al cloud autonomo con Keptn

Dynatrace ha annunciato Keptn, un control plane open source per far accelerare il passaggio del mercato verso il cloud autonomo. Keptn fornisce l’automazione e l’orchestrazione dei processi e degli strumenti necessari per una delivery continua e operazioni automatizzate per gli ambienti cloud native.

«Keptn è il risultato di un’idea e di un programma su cui stiamo lavorando da anni» ha dichiarato John Van Siclen, CEO di Dynatrace. «Parlando con CIO e CTO delle nostre numerose aziende clienti, è diventato chiaro che sono richiesti livelli avanzati di automazione e intelligenza per colmare il crescente divario tra risorse IT limitate e l’aumento esponenziale della complessità dei cloud aziendali dinamici e dei crescenti carichi di lavoro cloud native distribuiti».

 

Dynatrace

Dynatrace ha visto un interesse costante dei clienti verso il concetto di NoOps (che punta a migliorare il processo di deployment senza che sviluppatori e system administrators debbano necessariamente collaborare e comunicare) e ciò ha portato la compagnia a codificare il proprio know-how in Keptn.

La disponibilità di Keptn per la comunità open source consente all’intero settore di semplificare e accelerare l’inevitabile passaggio a operazioni cloud autonome, cominciando, come prime fasi del processo, dalla delivery continua e dalle operazioni automatizzate.

«In Dynatrace abbiamo capito che il viaggio verso NoOps inizia con la trasformazione di come lo sviluppo e le operation pensano, agiscono e si allineano» ha affermato Alois Reitbauer, Chief Technical Strategist e Head del Dynatrace Innovation Lab.

«Condividendo l’esperienza con clienti e partner interessati a capire la nostra trasformazione, ci siamo resi conto che ognuno di loro stava iniziando in luoghi diversi con diversi strumenti e diversi set di competenze. Con Keptn, abbiamo deciso di semplificare il viaggio verso NoOps per gli altri e lo abbiamo reso open source per accelerarne l’adozione e la funzionalità».

Negli ultimi 18 mesi, Dynatrace ha lavorato per accelerare le operazioni cloud autonome. Dopo numerosi workshop e laboratori sul cloud autonomo (ACL) con clienti e partner, è risultato evidente che un control plane collegabile e che automatizza la pipeline di delivery ha il potenziale per accelerare il viaggio verso il NoOps per chiunque lo voglia.