Reseller

Il percorso al museo te lo indica un’App

La tecnologia si sta facendo strada nel mondo della cultura e lo dimostra l'adozione che sta crescendo all'interno dei musei sparsi nel mondo i quali offrono esperienze sempre più interattive al visitatore.

Anche in Italia i Musei Civici di Palazzo Farnese hanno adottato un'App ufficiale che si basa sulla tecnologia IMApp, sviluppata dalla start-up piacentina Ultraviolet fondata da Marco Boeri, la quale consente di rendere la visita più personalizzata, multimediale e duratura anche fuori dal museo. 

IMApp è una piattaforma tecnologica che porta l’esperienza di navigazione GPS all’interno degli edifici, offrendo anche possibilità legate al marketing di prossimità. Si basa sulla tecnologia iBeacons di Apple e funziona con tutti i dispositivi Apple e Android fungendo da navigatore negli spazi indoor e da guida multimediale interattiva per l'utente.

In pratica gli iBeacon sono degli emettitori Bluetooth che intercettano tablet e smartphone all'interno di un raggio di azione che copre fino a 70 metri. In questo modo possono inviare notifiche e contenuti multimediali ai dispositivi degli utenti/visitatori del museo che stanno utilizzando la App.

Contenuti che possono essere aggiornati in tempo reale e che possono essere fruiti dagli utenti anche al di fuori del museo poiché rimangono all'interno del dispositivo personale. Per i gestori il vantaggio è quello di non avere un costo di gestione e manutenzione dell'hardware come potrebbe essere per le audioguide tradizionali.

La tecnologia IMApp ha permesso a Ultraviolet di aggiudicarsi il primo posto nella StartCup Emilia Romagna (Sezione Piacenza 2013). "Il progetto IMApp, vincitore della StartCup 2013 patrocinata dal Comune di Piacenza, ci è sembrato molto adatto per  le esigenze dei Musei Civici e così è nata la collaborazione con Ultraviolet per l'installazione sperimentale presso i Musei di Palazzo Farnese. Siamo certi che la particolare innovazione del progetto porterà benefici ai visitatori e conseguentemente buona visibilità al nostro museo” commenta l’Assessore alla cultura Tiziana Albasi.