Manager

Informazioni business subito pronte con i nuovi processori Intel Xeon E7

Intel ha annunciato le famiglie di processori Intel Xeon E7-8800/4800 v3, sviluppate con l'obiettivo di permettere la rapida individuazione di informazioni aziendali strategiche, grazie all'analisi in tempo reale e a prestazioni e affidabilità ottimizzate per il computing mission critical.

L'intelligence aziendale in tempo reale, evidenzia Intel, è una delle maggiori priorità per le aziende di tutti i settori, dall'assistenza sanitaria al retail, passando per le telecomunicazioni.

intel xeon e7 v21
Intel Xeon E7

L'esigenza di ricavare velocemente informazioni da grandi volumi di dati, da trasformare poi in interventi concreti, sta quindi spingendo la domanda di nuove tecnologie per l'elaborazione in-memory e l'analisi dei big data.

Considerando l'attuale e la futura domanda di elaborazione in memoria, Gartner ritiene, osserva Intel, che il fatturato di questo mercato supererà i 9,5 miliardi di dollari entro la fine del 2018, con almeno il 50% delle grandi organizzazioni che adotteranno elaborazione in memoria per consentire strategie aziendali digitali.

Basta la cifra per spiegare  l'interesse di Intel ad essere fortemente presente  con prodotti ad hoc in un segmento che  si preannuncia molto combattuto sul piano della concorrenza.

In sostanza,  ha illustrato la società, la famiglia di processori Intel Xeon E7 v3 è volta a aiutare le aziende a elaborare e analizzare in sicurezza enormi moli di dati nella memoria di sistema, per prendere più velocemente decisioni di business e migliorare l'efficienza operativa. Tra i dati che caratterizzano la nuova famiglia Intel ha posto l'accento su miglioramenti quali:

  • Miglioramento prestazionale medio del 40% rispetto alla generazione precedente.
  • Un miglioramento di fino a 6 volte delle prestazioni delle applicazioni di elaborazione aziendale per i carichi di lavoro transazionali in memoria, ottimizzate con le Intel Transactional Synchronization Extensions.
  • Fino a 18 core, un incremento del 20% del numero di core rispetto alla generazione precedente, e fino a 45 megabyte di cache di ultimo livello.
  • Costi complessivi di gestione fino all'85% inferiori rispetto ad architetture RISC alternative grazie alla riduzione dei costi di acquisizione di hardware, dei costi energetici e di raffreddamento.
  • I processori supportano configurazioni fino a 32 socket.

Nel complesso, la famiglia di prodotti comprende 12 modelli di processori, inclusi processori ottimizzati per più segmenti, come due modelli ad elevata frequenza progettati per un sottoinsieme di applicazioni per database che richiedono i core più veloci disponibili.