Reseller

Kaspersky potenzia l’offerta e il canale per il B2B

Nel percorso che la sta vedendo prendere sempre più dimestichezza con l'ambiente business, Kaspersky Lab rinnova le proprie linee di prodotti per la sicurezza dedicati alle aziende, sia Kaspersky Small Office Security, sia la soluzione Kaspersky Endpoint Security for Business.

Un'ascesa nel mondo B2B che sta impegnando il vendor sia sul fronte del canale sia degli investimenti: «Kaspersky Lab è un'azienda che vive di tecnologia ed è fortemente concentrata sulla ricerca e sviluppo, per la quale impiega circa un terzo degli oltre 3.000 dipendenti – dichiara Morten Lehn, managing director di Kaspersky Lab Italia -. Tecnologia interamente focalizzata sulla sicurezza, senza "distrazioni" su altri ambiti, e completamente sviluppata in casa, senza alcuna acquisizione di codici da altre aziende, con una reputazione tale che ci porta ad essere posizionati in testa ai principali test indipendenti sulla sicurezza. Il che ci ha consentito di arrivare ad essere una realtà di grandi dimensioni, ma non tali da non riuscire a essere flessibili e a dare risposte veloci in base alle continue, nuove, richieste del mercato, fino a quelle di singoli clienti, con personalizzazioni che a volte possono addirittura entrare a far parte dei nostri prodotti standard, se reputate in linea con i trend in atto. Il target di clienti spazia dal retail, dove contiamo oltre 400 milioni di clienti, fino a interessare, con la nostra linea business, 270.000 aziende, tra cui molte del mondo del Banking e Finance».

Morten Lehn
Morten Lehn, managing director di Kaspersky Lab Italia

Ed è proprio al mondo aziendale, sia le piccole imprese, sia agli endpoint per realtà di qualsiasi dimensione, che Kaspersky oggi si propone con il rinnovo dei propri prodotti. In particolare, la versione 4 di Kaspersky Small Office Security si rivolge alle microaziende, con un numero di nodi fino a 25.

«Sono società impegnate quotidianamente a competere e crescere nel business, lavorando con poche risorse, sia umane sia di tempo, e dove spesso è assente un referente IT, affidandosi alle competenze e alla buona volontà di qualche dipendente, se non addirittura del titolare stesso – spiega Gianfranco Vinnucci, responsabile post vendita e per i servizi professionali di Kaspersky Lab Italia -. Queste aziende, pur considerando l'IT come "male necessario", sono però consapevoli della necessità di avere un'infrastruttura IT che sia adeguata al business attuale, e che sia resa sicura. Molte di esse, infatti, si propongono ai clienti con un sito che offre servizi H24, con necessità di essere operative senza interruzioni, di vedere protetti i propri dati come quelli dei propri clienti, consapevoli delle eventuali conseguenze legali cui possono andare incontro nell'eventualità di furto o perdita dei dati. Tutte funzioni che, ovviamente, vogliono ottenere e offrire con il massimo contenimento dei costi».

La nuova versione di Kaspersky Small Office Security fornisce copertura ai server oltre che ai singoli client, e il pacchetto base comprende un server, 5 postazioni desktop e 5 dispositivi mobili.

La versione 4 assicura wi fi protection, anti phishing, anti spam, automatic exploit prevention, anti malware, system watcher, network attack blocker e cloud protection e include la protezione finanziaria con Safe Money, la gestione delle password, una nuova console di gestione basata su cloud, accessibile da più dispositivi, oltre a crittografia dei dati aziendali e funzionalitá di backup e ripristino.

Per quanto riguarda, invece, Kaspersky Endpoint Security for Business, nel nuovo Service Pack 1, che rappresenta la soluzione principale che il vendor dedica alle aziende, è stato migliorato il system management e la gestione dei device mobili integrando quelli Apple.

«Ð€ ormai da 7 anni che Kaspersky ha iniziato ad approcciare il target business – commenta Lehn -, inizialmente sulla PA e quindi concentrandoci al Centro Italia, mentre ora con la crescita dell'interesse verso il mondo aziendale, stiamo spostandone il baricentro verso la sede milanese, che stiamo potenziandone gli spazi e il personale. Investimenti che tendono anche a rafforzare anche il canale, sia quello per l'SMB sia dei grandi system integrator, con un team apposito a supporto e con Giampiero Cannavò che ne gestisce le attività».

Un canale del vendor che complessivamente conta circa 290 partner certificati su vari livelli, tra Registered, Silver, circa 60 Gold e 6 Platinum.