Tom's Hardware Italia
Reseller

L’importanza dell’Internet of Things per il canale

Secondo la società giapponese Toshiba nel 2017 i rivenditori potranno beneficiare della forza innovativa dell'IoT

Lo sviluppo di soluzioni in ambito Internet of Things sta crescendo e le applicazioni in ambito business saranno sempre più apprezzate negli anni a venire. Ne è convinta Toshiba che vede nell’IoT il potenziale capace di cambiare le abitudini lavorative in diversi settori apportando nuovi vantaggi e modi di operare.

Secondo Machina Research, società di consulenza nel settore M2M e IoT, nel 2025 questo mercato avrà un valore di 3 trilioni di dollari. Un’opportunità che i player del mercato non possono non considerare e che i rivenditori dovranno tenere presente per modificare la propria offerta e trarre vantaggio da questa crescita, cercando soprattutto di  capire quali sono i fattori che spingono l’IoT.

Come spiega Massimo Arioli, Head B2B Sales & Marketing, Toshiba Personal & Client Solutions Company, Italy: "Abbiamo notato che nel settore assicurativo sono in aumento le offerte basate sulla telematica, personalizzate in base alle abitudini di guida dei clienti. Per questo gli assicuratori devono avere la possibilità di raccogliere i dati, alcune soluzioni, come Toshiba Driving Recorder, possono essere implementate per monitorare il comportamento alla guida e trasmettere i dati registrati all’assicurazione per l’analisi".

Toshiba Massimo Arioli 01
Massimo Arioli, Head B2B Sales & Marketing, Toshiba Personal & Client Solutions Company, Italy

Riuscire a individuare in anticipo i settori in cui l’IoT potrebbe avere degli sviluppi interessanti per il business è fondamentale per i rivenditori che vogliono sfruttare le opportunità che derivano da questa tecnologia e soprattutto per sviluppare delle proposte che comprendono servizi completi di consulenza, implementazione e gestione. I rivenditori, infatti, dovranno essere in grado di fornire il supporto necessario poiché si tratta di tecnologie che possono comportare dei cambiamenti sostanziali e i clienti avranno bisogno di essere affiancati e seguiti in molti casi. Essere in grado di offrire un servizio completo sarà una carta vincente per il canale.

"Adattarsi all’IoT rappresenterà una vera e propria sfida per il canale. Finora nessun cambiamento tecnologico ha creato una spaccatura così profonda quanto l’Internet of Things, facendo convergere il mondo fisico con quello digitale e creando enormi opportunità. Non si tratta di ampliare la propria offerta con una o due nuove tecnologie, ma di avere la flessibilità di offrire una nuova serie di soluzioni e servizi e continuare a migliorarli mantenendo il ritmo dell’innovazione, dopo tutto l’IoT continuerà a evolversi nel tempo", ha rimarcato Arioli.