Tom's Hardware Italia
Carriere in IT

Mirella Cerutti nuovo Managing Director di SAS Italy

Dal 1 luglio Mirella Cerutti assume il ruolo di Managing Director di SAS Italy, prendendo il posto di Marco Icardi, alla guida della compagine italiana dal 2010. Entrata in SAS nel 1996, Mirella Cerutti riporta nel ruolo a Riad Gydien, Senior Vice President South EMEA SAS. Ha ricoperto ruoli di crescente responsabilità in azienda, fino […]

Dal 1 luglio Mirella Cerutti assume il ruolo di Managing Director di SAS Italy, prendendo il posto di Marco Icardi, alla guida della compagine italiana dal 2010.

Entrata in SAS nel 1996, Mirella Cerutti riporta nel ruolo a Riad Gydien, Senior Vice President South EMEA SAS. Ha ricoperto ruoli di crescente responsabilità in azienda, fino a diventare Country Manager nel 2017. Negli anni ,Cerutti ha sviluppato e fatto crescere il business e i clienti di SAS Italy.

“Sono orgogliosa di prendere la guida di un’azienda che sta contribuendo allo sviluppo delle organizzazioni del nostro Paese, un’impresa dinamica, contraddistinta da una grande spinta verso l’innovazione e con tanti professionisti talentuosi” – ha spiegato.

“Ringrazio Marco Icardi per quanto fatto in questi anni, un grande sostenitore delle nuove generazioni, che ha sempre promosso meritocrazia e leadership al femminile in azienda. Grazie al suo impegno verso l’ecosistema di business italiano, università e scuole e lo sviluppo di accordi e partnership con tante realtà economiche”.

Siamo in un momento fondamentale per SAS. Forte di importanti investimenti, il gruppo vuole abbracciare un’importante trasformazione di business, aprendosi al mercato cloud e open source, per rispondere alle esigenze dei clienti.

A tal proposito ha recentemente annunciato l’investimento di 1 miliardo di dollari in Intelligenza Artificiale, oltre alla piattaforma analitica e alle diverse soluzioni verticali in ambito consulenza, formazione e supporto tecnico.

Nel nuovo ruolo, Mirella Cerutti affiancherà le aziende clienti nel loro sviluppo di innovazione, accompagnandole nella trasformazione. “Voglio farmi promotrice della cultura analitica, sia verso le PMI che i grandi soggetti, con un’attenzione particolare allo sviluppo delle competenze in ambito advanced analytics, AI e machine learning”.

“Credo fortemente nell’importanza di fare rete, mettendo a fattor comune le capacità di imprese, pubblica amministrazione, università e partner per innescare il processo di trasformazione e sviluppo in ottica data-driven”.