Reseller

Nasce NextWave 3.0, il nuovo programma di canale di Palo Alto Networks

Palo Alto Networks ha presentato NextWave 3.0, una serie di miglioramenti, incentivi e formazione apportata all’interno del proprio programma di canale. Progettato per supportare i partner a sfruttare tutte le tecnologie di Palo Alto Networks, NextWave 3.0 mira a differenziare i servizi, definire nuove competenze di sicurezza e incrementare attività redditizie, rispondendo alle esigenze dei clienti in un mercato della sicurezza dinamico.

Organizzazioni di tutto il mondo stanno ampliando la connettività, aumentando le loro capacità cloud, affidandosi a soluzioni automatizzate per proteggersi da attacchi informatici sempre più sofisticati. Palo Alto Networks continua ad arricchire la propria piattaforma integrata di funzionalità basate su Intelligenza Artificiale per la protezione di ambienti cloud e reti dalle minacce IT, con l’obiettivo di soddisfare le necessità dinamiche del mercato e dei clienti.

«Creato in collaborazione con i partner, NextWave 3.0 consentirà di differenziarsi con nuove specializzazioni. I partner possono sviluppare la propria expertise di sicurezza attraverso tre nuove specializzazioni: Prisma SASE (Prima Access e Prisma SD-WAN, precedentemente CloudGenix), Prisma Cloud e Cortex XDR/XSOAR. Queste specializzazioni includono nuovo percorso formativo e certificazioni per i partner» spiega il gruppo.

facebook pmi

«Ma anche migliorare la redditività dei partner con tre nuovi incentivi di specializzazione per i deal Prisma SASE, Prisma Cloud, Cortex XDR/XSOAR, insieme a ulteriori nuovi incentivi e incrementi e nuovi sconti per i partner NextWave Diamond Innovator e accrescere le opportunità dei partner aumentando gli incentivi per i referral deal esistenti su tutti i prodotti Palo Alto Networks».

«Ciò include l’estensione del supporto fornito dai partner su più tecnologie di Palo Alto Networks e nuovi crediti formativi. Inoltre, i partner NextWave possono ora rivendere Prisma Cloud attraverso la strategia go-to-market a due livelli».

Inoltre, NextWave 3.0 include una serie di nuove risorse e metodologie di abilitazione dedicate ai partner per supportarli a ottenere o mantenere lo status di NextWave, estendendo la certificazione Certified Professional Services per includere le nuove specializzazioni, i crediti Technology Education e gli sconti sull’adozione della tecnologia.

«Il futuro del nostro business e quello dei nostri partner sono strettamente collegati» ha spiegato Karl Soderlund, SVP Worldwide Channels di Palo Alto Networks. «Il partner NextWave di domani abiliterà la trasformazione digitale dei nostri clienti abbracciando nuove tecnologie e offrendo competenze specifiche su soluzioni e servizi».

«NextWave 3.0 supporterà i nostri partner a fare proprio questo. È la serie di miglioramenti più significativa, sviluppata per aiutare i nostri partner a diventare esperti di sicurezza su tutto il nostro portfolio di soluzioni».

salesforce pmi

«In Italia, stiamo abilitando i nostri partner ad accelerare il loro percorso di differenziazione con Palo Alto Networks e queste nuove specializzazioni. L’obiettivo è di aiutare i clienti a ridurre la complessità, grazie a nostri partner in grado di fornire soluzioni e servizi di cybersecurity altamente specializzati, attraverso una piattaforma integrata e automatizzata» aggiunge Mauro Palmigiani, Country Manager di Palo Alto Networks Italia.

Il programma

Il programma di canale di Palo Alto Network comprende 6.500 partner che supportano 80.000 clienti in tutto il mondo. Nell’anno fiscale 2020, 900 partner NextWave sono stati in grado di raddoppiare il loro business attraverso queste soluzioni. Nel recente sondaggio Partner Satisfaction, più di 3.300 partner NextWave hanno classificato Palo Alto Networks al primo posto in termini di partnership, crescita, abilitazione e redditività rispetto ai principali concorrenti. Oggi, sono oltre 18.000 i partner engineer a possedere più di 40.000 certificazioni tecniche di Palo Alto Networks.