Eventi

Nfon Italia lancia il suo primo roadshow

Nfon ON Italia, filiale di Nfon AG, provider di servizi cloud PBX, ha annunciato l’avvio del suo primo roadshow sul suolo italiano. L’iniziativa fa seguito dell’apertura degli uffici milanesi lo scorso marzo e del successo riscontrato lo scorso 23 maggio dal primo evento italiano dedicato al programma di canale, in cui la compagnia ha presentato la sua offerta e il programma Ngage a potenziali partner, player del mercato ICT e operatori del settore IT e telco.

Il tema del roadshow è cosa spinge una compagnia a esternalizzare il servizio di centralino telefonico e quali i vantaggi tecnologici, economici e operativi nell’adottare un’architettura CloudPBX. A queste e altre domande risponderà la kermesse,  tramite la voce di Marco Pasculli, Managing Director Nfon Italia, che illustrerà come il cloud sia diventato un elemento trainante nella trasformazione digitale della telefonia professionale. Sarà il roadshow l’occasione perfetta per fare il punto sullo scenario italiano, sull’evoluzione prevista dal CloudPBX nel nostro paese, sulle opportunità che il trend offre ad aziende e operatori di settore. tutto ciò, per evidenziare i servizi offerti da Cloudya, la soluzione indipendente per le comunicazioni di business di Nfon.

«Il roadshow di Nfon Italia rappresenta l’occasione perfetta per conoscere i numerosi benefici offerti ai partner che aderiranno al programma di canale Ngage, caratterizzato da un’ottima marginalità, accesso a strumenti di vendita e marketing intelligenti, partecipazione a eventi, demo account per testare tutte le funzionalità del servizio Cloudya e molto altro – ha spiegato Marco Pasculli – organizziamo questo primo evento per illustrare ad aziende e potenziali partner gli incredibili benefici derivanti dall’adozione di una soluzione semplice, scalabile e innovativa, senza costi di manutenzione e con aggiornamenti gratuiti. Entrare nel business della telefonia cloud con Nfon significa, per qualsiasi rivenditore, poter beneficiare di entrate ricorrenti e, per un’organizzazione, di entrare nell’era della nuova libertà nella comunicazione aziendale».