Reseller

Sirti presenta il nuovo piano strategico

Sirti, società specializzata nella progettazione, realizzazione e manutenzione di infrastrutture, ha presentato il nuovo piano strategico 2018-2020 in seguito all’'acquisizione del 100% del capitale e del debito a lungo termine da parte di Pillarstone. Sirti sta puntando sul proprio sviluppo grazie a un team rinnovato di manager guidati da Roberto Loiola, Amministratore Delegato insediatosi lo scorso settembre. A supporto della strategia dei prossimi anni della società c’è il rafforzamento della struttura finanziaria  a garanzia della solidità patrimoniale.

La società fa sapere che la nuova strategia segue due direzioni: da un lato lo sviluppo di un business diversificato tramite il rafforzamento di quattro Business Unit (Telco Infrastructures, ICT, Transportation, Energy & Utilities), e dall’altro la trasformazione competitiva dell’azienda con l’obiettivo di adeguarla alle nuove sfide del mercato. Il piano prevede anche un’espansione internazionale del gruppo. Per esempio, per quanto riguarda la BU Telco Infrastructures, si parla di un potenziamento dell’ingegneria e delle operations, con l’ingresso di circa 400 persone. Per la BU ICT, invece, che a oggi supera i 100M di euro di fatturato, è in programma un percorso di espansione anche attraverso operazioni di M&A, e una strategia che punta alle soluzioni IoT, cybersecurity e cloud.

dreamstime m 33943704

Sirti sta anche realizzando 3 programmi di trasformazione, denominati: 'People & Culture', 'Focus on Customer', 'Sirti goes Digital'. Questi serviranno a supportare il conseguimento degli obiettivi della società, ossia lo sviluppo di un business diversificato e la trasformazione competitiva.

Il piano strategico 2018-2020 della società invece prevede un budget di investimento in R&D superiore a 30Mdi euro che saranno principalmente destinati allo sviluppo di nuove tecnologie per il segnalamento ferroviario, per la creazione di infrastrutture TLC e nuovi sistemi informativi per l’automazione dei processi di progettazione delle reti e di pianificazione e orchestrazione delle attività di campo.

La società prevede per i prossimi tre anni una crescita progressiva dei ricavi per raggiungere circa i 750M euro nel 2020, e una diversificazione maggiore del business (Energy & Utilities dal 4% al 9% di contributo ai ricavi, ICT dal 18% al 20%, Trasporti dal 7% al 17%).

Roberto Loiola, Amministratore Delegato di Sirti ha commentato: "Lo scenario di mercato che ci si prospetta evidenzia profondi cambiamenti in tutti i settori nei quali operiamo. IoT, 5G, alta velocità, ultra broadband, smart city sono le principali grandi trasformazioni tecnologiche e infrastrutturali attese per questi anni, e Sirti è posizionata in modo eccellente in ognuna di esse. Sono previsti grandi investimenti in un contesto competitivo sempre più agguerrito e globale. Tutto ciò richiede la capacità di adottare nuovi modelli operativi all’insegna di una maggiore velocità, efficienza e flessibilità, in modo da cogliere al meglio le opportunità offerte dai mercati che presidiamo".