Scenario

Spitch, dove le tecnologie vocali hanno rivoluzionato le nostre vite

Negli ultimi anni, il potenziale delle tecnologie vocali è decisamente balzato in cima a tanti settori di business. Il continuo sviluppo delle tecnologie vocali basate su intelligenza artificiale e machine learning, dai social media alla smart home, passando per l’automotive, l’assistenza sanitaria e l’accesso ai servizi bancari, fa oramai parte delle strategie di compagnie di settori e dimensioni differenti.

Con questa consapevolezza e in occasione dell’odierna Giornata Mondiale della Voce, Spitch, azienda internazionale specializzata in soluzioni di tecnologia vocale, ha individuato cinque aspetti della nostra vita quotidiana che sono stati profondamente rivoluzionati dalle tecnologie vocali.

L’interazione sociale

Agli albori della loro storia, i social media si basavano sul testo scritto. Con la diffusione degli smartphone, il focus è passato all’immagine. Oggi, invece, è la voce il mezzo principe: il 2021 è infatti l’anno di Clubhouse, la rete sociale in cui le interazioni avvengono appunto tramite il solo utilizzo della voce.

Ma non solo: pensiamo ad esempio ai messaggi vocali su WhatsApp, anche per il business, che sono sempre più spesso utilizzati dagli utenti, al punto che l’app starebbe studiando un sistema per velocizzarne la riproduzione.

La diagnostica e l’assistenza sanitaria

La tecnologia vocale, in tempo di pandemia ma non solo, si sta rivelando un valido aiuto anche in ambito sanitario. Per esempio, un’azienda israeliana ha recentemente presentato un’applicazione per smartphone, chiamata Vocalis, che sarebbe in grado di riconoscere con un elevato tasso di probabilità se una persona è positiva al Covid-19 semplicemente “ascoltandone” la voce.

Photo credit - depositphotos.com
chatbot

Oltre che per fini diagnostici, le soluzioni vocali possono essere sfruttate anche per l’organizzazione delle attività di cliniche e centri diagnostici, attraverso sistemi di prenotazione automatizzati – via telefono e social media – quali quello implementato da Casa della Salute, utilizzando soluzioni di Spitch e di un suo partner.

La guida

Il consumatore, nella scelta della propria automobile, non vede solo un mezzo in grado di supportarlo negli spostamenti; al contrario, cerca uno strumento in grado di garantire un’emozione e un’esperienza all’altezza delle aspettative.

Le case automobilistiche ne sono pienamente consapevoli e, nella gara verso la migliore experience, i comandi vocali ricoprono un ruolo fondamentale. Sono infiniti gli esempi in cui la voice technology si incontra con l’automotive: uno dei più recenti è la nuova gamma Fiat 500 Hey Google, che comprende anche la possibilità di controllo vocale da remoto per alcune funzioni.

La routine domestica

Gli assistenti vocali sono entrati nelle abitazioni di moltissimi italiani. Innumerevoli le richieste che, quotidianamente, vengono rivolte ai dispositivi: puntare la sveglia, consultare le notizie, scoprire il meteo del giorno; ma anche accendere la televisione, alzare le tapparelle, azionare l’antifurto o illuminare una stanza.

L’accesso ai servizi bancari

In passato, per accedere ai servizi bancari, era necessario recarsi in sede. Oggi invece molte operazioni possono essere eseguite comodamente da casa, anche telefonicamente. Il tutto in massima sicurezza e senza complesse procedure di autenticazione: è il caso ad esempio di Banca Migros, che grazie a Spitch si avvale della biometria vocale più moderna per l’identificazione dei suoi clienti.

Photo credit - depositphotos.com
chatbot_cover

Per semplificare e velocizzare il contatto telefonico con il Centro clienti e consulenza, la Banca Migros utilizza infatti per i clienti che ne fanno richiesta l’autenticazione vocale automatica, in grado di soddisfare le esigenze di CX e le disposizioni in materia di protezione dei dati.

«In occasione della Giornata Mondiale, è bene ricordare che la voce è il mezzo di comunicazione più naturale e immediato a disposizione dell’essere umano. La tecnologia non potrà mai sostituire l’interazione con la persona, ma, al contrario, ne aumenta le potenzialità».

«Noi di Spitch abbiamo ogni giorno conferma di questo fenomeno: gli utenti, quando possono scegliere tra parlare a un dispositivo e digitare su una tastiera, optano sempre più spesso per la prima opzione. Le nostre soluzioni sono studiate per rafforzare e assecondare questa tendenza» ha commentato Piergiorgio Vittori, VP BD WW & Regional Managing Director di Spitch.