Software & Hardware

Synology lancia UC3200, l’IP SAN Active-Active per ambienti mission-critical

Synology ha lanciato ufficialmente l’Unified Controller UC3200, il primo server con doppio controller pensato per servizi di dati iSCSI a elevata disponibilità in ambienti mission-critical. Assieme a lui, ecco l’espansione, l’unità RXD1219sas.

Si tratta di un prodotto con una CPU Intel Xeon a 4 core e 2,4 GHz e 8 GB di memoria DDR4 ECC UDIMM per controller, con l’UC3200 che arriva a oltre 140.000 IOPS in scrittura random 4K in un ambiente 10GbE aggregato.

La memoria Ram è espandibile fino a 64 GB mentre la connettività è assicurata da una 10GbE e da due porte 1GbE Ethernet che supportano il failover e Link Aggregation. Possiamo aggiungere anche uno slot PCIe 3.0 per un’altra scheda NIC di espansione e 12 vani unità SAS per default, scalabili fino a 500 TB con due RXD1219sas.

«Una delle sfide che affrontano i responsabili IT aziendali è l’individuazione di una soluzione iSCSI che azzeri i tempi di interruzione del servizio, dotata di un’interfaccia utente semplice e con un total cost of ownership accettabile» ha dichiarato Jason Fan, Product Manager presso Synology.

Synology UC3200

«Il nuovo Unified Controller UC3200 è stato studiato proprio per superare questi problemi. L’UC3200 è una soluzione IP SAN active-active in grado di ottimizzare i tempi di operatività dei servizi; il suo sistema operativo intuitivo consente agli amministratori di gestire due controller da un singolo portale, agevolando il management senza una curva di apprendimento particolarmente rigida».

Tecnicamente, per ottimizzare il tempo di operatività dei servizi, i componenti base del sistema, incluso i moduli SAS e le ventole di sistema, sono sostituibili. Altre funzioni riguardano il Non-Transparent Bridge (NTB): se uno dei controller si guasta, l’altro può acquisire la gestione del servizio in modo trasparente per l’utente.

Inoltre, l’unità disco con crittografia (SED) supporta la crittografia dei dati per proteggere le informazioni critiche a livello di hardware. Il SATA-DOM integrato isola il sistema operativo dai dati critici e sincronizza i dati della cache tra i due controller in modo da evitare perdite di informazioni, in caso di guasto di uno dei controller prima che i dati vengano scritti sui dischi rigidi.

Per quanto riguarda RXD1219sas, questa è un’unità di espansione 2U e una soluzione ottima per aggiornare lo spazio di archiviazione per UC3200. Si può aggiungere fino ad altri 12 vani unità SAS da 2,5″/3,5″ collegando UC3200 e RXD1219sas direttamente con un cavo mini-SAS HD e sostituendo i componenti critici di sistema, inclusi i moduli SAS e le ventole, così da garantire tempi massimi di disponibilità del servizio.