IT Pro

Una nuova piattaforma di BT facilita l’adozione di SD-WAN

BT ha annunciato il lancio di una nuova Service and Network Automation Platform (SNAP) progettata per aiutare i clienti a innovare attraverso le più recenti tecnologie di Software Defined Wide Area Networking (SD-WAN) e di Network Functions Virtualisation (NFV).

La piattaforma, che BT  evidenzia essere unica nel suo genere, è allocata nel cuore della rete globale di BT. Si basa su una architettura flessibile che consente a BT di integrare le soluzioni dei partner, come ad esempio i controller SD-WAN di Cisco e Nuage Networks di Nokia.

La SNAP funziona anche con il Network Services Orchestrator di Cisco, con cui consente a BT di fornire  ai clienti una scelta di servizi gestiti SD-WAN e NFV come BT Connect Services Platform.

BT prevede di estendere l'orchestrazione dal proprio core network ai principali data center cloud di terze parti, fino alle LAN (Local Area Network) dei clienti e alle LAN dei data center (DC-LAN), in  modo da consentire la visibilità, il controllo e la configurazione in cloud delle applicazioni end-to-end dai laptop e dai dispositivi dei clienti fino ai server.

Per garantire la compatibilità tra tecnologie e alti livelli di automazione, SNAP è stato realizzato utilizzando software open source e linguaggi standard del settore, tra cui YANG per modellare la rete e TOSCA per la definizione del servizio.

Le azioni di configurazione e di gestione possono anche essere trasferite a cascata attraverso i sistemi di BT, ed avere  effetto in pochi minuti.

Supporto a disposizione dei clienti

Per supportare i clienti nell’implementazione dei futuri progetti di rete, BT ha riunito le sue expertise SD-WAN e NFV e le competenze chiave in un nuovo Centro di Eccellenza (CoE). Il CoE supporta l'intero ciclo di vita dei servizi SD-WAN o NFV dei clienti, collaborando dalla progettazione e implementazione fino alle operations.

Il team integrato è supportato da un programma di investimenti in formazione e in tool come YANG, Netconf e TOSCA – che richiedono nuove competenze ancora poco diffuse..

Il CoE, ha evidenziato BT, situato nei principali centri di sviluppo e assistenza clienti di BT, sarà in grado di monitorare in modo univoco l'intera rete ibrida di un cliente fornendo una singola visione integrata che sfrutta i più recenti tool basati su AI e machine learning.

Il CoE utilizza un approccio simili a quello implementato nello sviluppo di applicazioni cloud, come "DevOps", in cui vengono creati team con tutte le competenze e le capacità necessarie per l'intero ciclo di vita di un servizio. Si allinea anche con il cloud "Serverless", in cui la progettazione, il provisioning e il funzionamento dell'infrastruttura che supporta un'applicazione sono completamente esternalizzati ai provider di servizi cloud gestiti.

Keith Langridge, vice presidente dei servizi di rete di BT
Keith Langridge, vice presidente dei servizi di rete di BT

"Stiamo investendo per rendere più semplice per i nostri clienti sfruttare le più recenti tecnologie di rete e cloud. La nostra nuova piattaforma per l'automazione della rete e dei servizi e il Centro di Eccellenza aiutano i clienti a sfruttare al meglio il nostro know-how e la nostra esperinza in SDN e NFV. Abbiamo creato un ambiente unico in cui i clienti possono implementare i più recenti servizi software insieme alle tecnologie di rete sottostanti. Questo trasforma la loro esperienza di adozione di SD-WAN, rendendo realtà la promessa di servizi software defined", ha commentato  Keith Langridge, vice presidente dei servizi di rete di BT.