Tom's Hardware Italia
Software & Hardware

VMware lancia Secure State: sicurezza per DevOps

VMware ha annunciato la disponibilità di VMware Secure State, una nuova soluzione pensata per supportare i clienti nell’adozione di un approccio alla sicurezza proattivo e integrato, che segua il paradigma del DevOps. VMware Secure State, disponibile da CloudHealth che ad oggi permette a oltre 5 mila clienti di ottimizzare i propri ambienti multi-cloud, darà vita ad […]

VMware ha annunciato la disponibilità di VMware Secure State, una nuova soluzione pensata per supportare i clienti nell’adozione di un approccio alla sicurezza proattivo e integrato, che segua il paradigma del DevOps.

VMware Secure State, disponibile da CloudHealth che ad oggi permette a oltre 5 mila clienti di ottimizzare i propri ambienti multi-cloud, darà vita ad una combinazione interessante utile a far fronte alle sfide in termini di visibilità, costi, sicurezza, automazione e governance del cloud.

Nello specifico, VMware Secure State consente agli utenti di visualizzare l’infrastruttura a rischio, rilevare vulnerabilità e minacce in tempo reale e automatizzare la sicurezza e la compliance su cloud diversi.

Questo annuncio rafforza la volontà di VMware di estendere la strategia di difesa dai dispositivi ai clienti, ovunque essi siano, per aiutarli a ridurre la superficie di attacco soprattutto in sistemi multi-cloud.

Nel corso del suo keynote sul palco della RSA Conference, Pat Gelsinger ha parlato della natura frammentaria del panorama dei vendor di sicurezza e della necessità di concentrarsi sulla riduzione della superficie di attacco rendendo la sicurezza intrinseca, piuttosto che impegnare la maggior parte delle risorse nella ricerca delle minacce. Questo è particolarmente vero in ambito public cloud. Molti executive con cui ho occasione di confrontarmi, quando si tratta di cloud hanno delle difficoltà dovute a una visibilità basica sulla propria rete, la protezione dei propri dati e risorse e la gestione della complessità. E, a causa della natura dinamica e distribuita del cloud, gli strumenti e gli approcci ormai obsoleti non soddisfano le sue nuove sfide – ha spiegato Jason Needham, Senior Director, VMware Secure State.

Secondo il gruppo, un modello di sicurezza cloud interconnesso è di importanza critica ed è così che Secure State fornisce una comprensione avanzata delle vulnerabilità, per capire i rischi e le minacce nei diversi cloud.

Quando gli oggetti, i dati e le relazioni cambiano, VMware Secure State aggiorna il modello in modo intelligente e quasi in real time, per analizzare i problemi diretti e quelli correlati ad ogni cambiamento.

VMware ha annunciato inoltre varie funzionalità di VMware Secure State in anteprima:  un nuovo servizio di query cloud, per un’indagine approfondita sulle relazioni delle risorse cloud; uno di machine learning, per migliorare il rilevamento di anomalie e attività sospette; un approccio di auto-riparazione che consente controlli flessibili tra i team di sicurezza e DevOps.