Scenario

VR e AR, un mercato in ascesa (ma lenta) che punta al 2025

Sappiamo bene quanto la crisi sanitaria abbia paralizzato alcuni mercati, presentando però notevoli opportunità per altri. Software come Zoom e Microsoft Teams hanno visto, così come le piattaforme di realtà aumentata, un certo successo, approfittando dei casi d’uso relativi a contesti come l’assistenza remota, la formazione, il remote working. Combinando tali aspetti con un mercato consumer sempre più redditizio, il potenziale del segmento VR e AR è significativo. ABI Research, una società di consulenza globale, stima che il mercato della realtà aumentata supererà i 140 miliardi di dollari entro il 2025.

«Sebbene l’utilizzo aziendale abbia dominato la conversazione sulla realtà aumentata negli ultimi anni, le maree stanno cambiando. Tutte le aziende tecnologiche che possono spostare i mercati su scala globale sono già direttamente coinvolte nell’AR e molte stanno pianificando ulteriori sforzi dedicati all’hardware AR nei prossimi due o tre anni» afferma Eric Abbruzzese, Direttore della ricerca di ABI Research. «Questo finirà per trasformare il principale mercato AR da impresa a consumatore, avvantaggiando entrambe le parti attraverso una maggiore concorrenza e maturità».

I modelli di crescita attorno all’hardware e ai contenuti AR lo confermeranno nei prossimi cinque anni. Media e intrattenimento insieme a vendita al dettaglio e marketing sono i verticali in più rapida crescita. «Detto questo, la crescita aziendale non sta rallentando. Sanità, AEC, industria manifatturiera e automobilistica promettono una crescita tra il 70% e il 90% di CAGR fino al 2025».

NIce mixed reality Hololens

«Non ci sarà lo stesso rapido afflusso di utenti che vedrà il mercato consumer, ma l’aumento delle opzioni hardware provenienti da quel mercato stimolerà l’ulteriore adozione , così come una maggiore familiarità con i contenuti e la tecnologia AR» spiega Abbruzzese.

L’ecosistema AR di Apple è abbastanza maturo oggi, con sensori LiDAR e piattaforma di sviluppo ARKit che permettono esperienze su vari tipi di contenuto. Google ha recentemente acquisito il produttore di occhiali intelligenti North e ha ancora i suoi Glass for an Enterprise e ARCore nei laboratori. Facebook ha annunciato i Reality Labs, con piani di occhiali intelligenti per il 2021.

E in modo simile PTC, Atheer, Microsoft, Lenovo, Teamviewer e molti altri stanno aumentando gli investimenti e la concentrazione nel campo dell’aumentato e del virtuale, spesso modificando le strutture dei prezzi e i modelli di business per soddisfare sia l’afflusso di domanda a breve termine che la scala.

«Facebook, Google e Apple hanno costruito per anni le basi AR nella creazione di contenuti e nell’abilitazione dei dispositivi mobili, con visioni per un mercato onnipresente entro il 2025. Tutta questa crescita dei consumatori avvantaggia anche il dominio aziendale, con requisiti chiave intorno al prezzo, facilità d’uso e valore per l’utente complessivo condiviso da entrambe le parti del mercato».

«Il valore latente dell’abilitazione remota fornita da AR è stato svelato ed esigenze simili nello spazio dei consumatori ne stimoleranno l’adozione. Tutto ciò si combina per creare uno slancio significativo attorno allo scenario, dopo l’immaturità dei primi anni» conclude Abbruzzese. I risultati provengono dai dati di mercato della realtà aumentata e mista di ABI Research; un rapporto che include anche la visione di tanti analisti, disponibile a questo indirizzo.