Tom's Hardware Italia
Altre News

Wind Tre, la proprietà è diventata 100% cinese

La cinese CK Hutchison Holdings è la nuova proprietaria di Wind Tre: l'ex socio Veon (ex VimpelCom) ha ceduto il suo 50% di azioni per un valore che si stima in 2,45 miliardi euro. L'intera operazione dovrebbe completarsi entro il terzo trimestre 2018, a patto che le autorità per la concorrenza italiana ed europea diano […]

La cinese CK Hutchison Holdings è la nuova proprietaria di Wind Tre: l'ex socio Veon (ex VimpelCom) ha ceduto il suo 50% di azioni per un valore che si stima in 2,45 miliardi euro. L'intera operazione dovrebbe completarsi entro il terzo trimestre 2018, a patto che le autorità per la concorrenza italiana ed europea diano l'ok.

CK Hutchison Holdings è destinata così a diventare l'unica proprietaria dell'operatore. "Siamo contenti di essere i soli proprietari di Wind Tre, perché ci fornisce la più forte piattaforma possibile per aumentare il valore a favore dei nostri azionisti. CK Hutchison, avendo raggiunto l'avanguardia tecnologica mobile e ottenuto la leadership in Italia per più di 15 anni, continuerà a investire nel futuro digitale dell'Italia, dando beneficio ai consumatori e alle imprese del paese".

CK Hutchison Holdings

Veon ha già confermato una stima di guadagno netto di 1,1 miliardi di dollari, che saranno impiegati per ridurre il suo debito e contribuire con 400 milioni all'operazione di acquisizione di Gth in Pakistan e Bangladesh.

Leggi anche: Fusione Wind-3 Italia, la Commissione UE ha dato l'ok

Wind Tre è in una fase delicata, poiché il livello di competitività del settore ha generato nel 2017 una contrazione dei ricavi del 4,5% portando la cifra complessiva a 6,1 miliardi di euro. Non meno importante il fatto che secondo le stime di Berenberg Bank sarebbe stata la più danneggiata dalla discesa in campo di Iliad, lasciando al nuovo avversario ben 100mila SIM in un mese.