Chiuso Infraud, il negozio del Dark Web amato dai truffatori

C'era un pure un italiano nell'organizzazione criminale internazionale che ha frodato oltre 530 milioni di euro smerciando carte di credito clonate e codici nel Dark Web.

La statunitense Homeland Security Investigation in collaborazione con la Polizia Postale e altre forze grazie all'operazione "Infraud" in 16 paesi ha arrestato 13 persone e messo fine a un traffico che andava avanti almeno dal 2010. In verità la procura del Nevada ha incriminato 36 persone, se si considerano amministratori, moderatori, venditori, etc.

infraud

"L'iscrizione al registro degli indagati e gli arresti rappresentano una delle azioni penali più grandi contro cyber-frodi di cui la Giustizia Usa si sia mai occupata", si legge nella nota di John P. Cronan, del dipartimento di Giustizia. "Infraud ha operato come un'azienda per agevolare frodi cibernetiche su scala globale. I suoi membri hanno presumibilmente causato perdite per oltre 530 milioni di dollari a consumatori, aziende e istituzioni finanziarie. Si stima che le perdite che volevano provocare fossero superiori ai 2,2 miliardi di dollari".

Gennaro Fioretti (56 anni), i cui nickname erano Dannylogort e Genny Fioretti, ieri è stato arrestato su mandato internazionale, mentre uno dei capi della banda - un cittadino ucraino - è stato catturato la settimana scorsa in Thailandia.

Il sito Infraud era di fatto un "negozio" di riferimento per i cyber-criminali di tutto il mondo. Nato nell'ottobre 2010 su idea del 34enne ucraino Svyatoslav Bondarenko aka "Obnon", aka "Rector" aka "Helkern", l'obiettivo era diventare il punto di riferimento nel "carding", ovvero agevolare l'acquisto di beni online tramite carte clonate o codici rubati. Lo slogan storico "In Fraud We Trust" è sempre stato piuttosto esplicito.

Fioretti, secondo le indagini, era un Vip Member del sito - che contava oltre 10mila iscritti - quindi incaricato di "raccogliere informazioni nel forum per agevolare le loro attività criminali", come puntualizza la nota della Procura.

L'organizzazione sottraeva codici bancari attraverso tecniche di hacking. Dopodiché gestiva la compravendita di carte rubate e clonate, codici di verifica (CVV) per quelle online, codici di accesso per l'home banking e dati personali. Questo era il core-business, ma il gruppo era coinvolto anche nella diffusione di malware, riciclaggio e gestione di servizi di hosting per operazioni illegali altrui.

Fino al 2013 la banda ha sfruttato per le transazioni anche la piattaforma di scambio di cryptomonete Liberty Reserve - chiusa dagli Stati Uniti con la condanna a 20 anni di reclusione per il suo fondatore Arthur Budovsky.

Pubblicità

AREE TEMATICHE