Cosa ci aspettiamo da Super Smash Bros. per Nintendo Switch

Nel corso degli anni la saga di Super Smash Bros. è diventate tra le più popolari della casa di Kyoto, arrivando a competere con colossi come Super Mario, Mario Kart, The Legend of Zelda e Pokémon. I fan di questo atipico gioco d'azione sono veramente molti. Abbiamo quindi deciso di raccontare in questo articolo quello che ci aspettiamo, e cosa vorremmo, dal nuovo capitolo per Nintendo Switch: un'occasione da non sprecare.

Dopo Melee (adorato dai giocatori competitivi), e Brawl, ideale per pomeriggi e serate a combattere con gli amici, abbiamo avuto un quarto capitolo che per quanto divertente si è dimostrato un po' "di intermezzo", presentando sì un fantastico roster (pur con qualche clone e spadaccino di troppo) e svariati miglioramenti tecnici, ma rivelandosi al contempo carente sul fronte delle novità.

Grazie all'incredibile popolarità di Nintendo Switch, l'azienda nipponica ha la possibilità di sferrare un colpo finale al mercato sviluppando il miglior capitolo di Smash mai realizzato, e dopo gli spettacolari Super Mario Odyssey e Breath of the Wild siamo sicuri che non mancherà il colpo. Le nostre ovviamente sono più delle speranze che dei suggerimenti, ma ci farebbe proprio piacere vedere qualcosa del genere in Super Smash Bros. per Switch.

L'emissario del Subspazio

Super Smash Bros

È vero, in un picchiaduro la campagna single-player non è certo la prima cosa alla quale gli sviluppatori pensano, nondimeno con Super Smash Bros. Brawl ci è stata concessa la folle - ma divertentissima - modalità "Emissario del Subspazio", un'avventura perfetta per prendere confidenza con i comandi e giocare con un amico.

Nintendo Switch è la console perfetta per il multiplayer, e se da una parte vogliamo ovviamente picchiare sconosciuti online comodamente seduti sul nostro divano, dall'altra non possiamo negare il piacere di allearci con un amico e affrontare una storia assieme.

Vogliamo una campagna all'altezza di quella di Brawl, anche per il quinto capitolo di Smash, o al limite qualcosa di simile alla modalità Avventura di Melee, rimpolpata dai capitoli più recenti delle saghe di punta e dai nuovi brand. Tutto pur di evitare quella ciofeca dello Smash Tour.

Il roster più grande di sempre

super smash bros wii u

Impossibile negarlo: il più grande punto di forza di Super Smash Bros. è sicuramente il cast di personaggi incredibilmente vasto e vario. Scegliere il proprio alter ego, studiarne le abilità e poi scontrarsi in battaglia è un'esperienza fantastica, e per questo vogliamo - ovviamente - che il prossimo sia più grande che mai.

Se da una parte non mancheranno sicuramente gli storici personaggi che hanno fatto parte del team di Smash negli ultimi anni, dall'altra ci farebbe piacere anche qualche ritorno. Stiamo parlando dei fantastici Ice Climbers e del mitico Snake (anche se sarà quasi impossibile!). I primi sono due personaggi divertentissimi (e difficilissimi) da usare, mentre per il secondo non c'è bisogno di presentazioni. E che dire di Wolf, la nemesi di Fox, scomparso dopo la sua fugace apparizione in Brawl? Sarebbe un peccato sprecare una delle cose migliori tirate fuori dal dimenticabile Star Fox Zero.

Oltre ai vecchi personaggi però, ce ne sono di nuovi che vorremmo vedere nel prossimo Smash: Bomberman (specie dopo il discreto successo di Super Bomberman R), Spring Man o Ribbon Girl (da Arms), Shovel Knight (che ha già l'Amiibo pronto per lo scopo) oppure Hollow Knight, gli Inkling (già annunciati a dire il vero), Shantae, Yooka e Laylee (il panorama indie offre spunti infiniti), i campioni di Breath of the Wild, Dillon e/o Chibi Robo (una mascotte oscura per capitolo è d'obbligo), Travis Touchdown (che farebbe coppia perfetta con Bayonetta e garantirebbe visibilità al terzo capitolo della saga, di prossima uscita) e, visto che si farà un giro anche in Soul Calibur, pure Geralt da The Witcher (Nintendo e Bandai Namco hanno lavorato a stretto contatto durante lo sviluppo di Smash 4, quindi c'è una remota possibilità, ma è più probabile che siano Goku o Kazuya a fare capolino). 

Ridley Smash

Parlando invece di altre potenziali leve (meglio abbondare) senza deviare troppo dalla tradizione, Link in forma di lupo assieme a Midna (da Twilight Princess) formerebbero una coppia niente male; abbiamo già visto cosa sono in grado di fare in Hyrule Warriors, pertanto garantiamo sulla loro forza. Diversi Assistenti poi sono sprecati nel loro ruolo di supporto: Skull Kid e Samus Oscura meritano di diritto un posto nel roster e questo solleva un altro punto molto importante: villain. Smash ha bisogno di cattivoni. Tra una Rosalinda e Zelda starebbero benissimo un Pipino Piranha e un King K. Rool, un Cavaliere Nero e un Ridley (è davvero così grande?), persino un Koopa e un Tipo Timido, che spesso figurano nei titoli sportivi dell'idraulico. E che dire di un Mimikyu come rappresentante dei Pokémon di settima generazione? O un Pirata Spaziale da Metroid (con skin provenienti dai vari capitoli). Zant? Ghiraim? Ganondorf non è il solo ad aver minacciato la Triforza in questi anni.

E a proposito del re dei Gerudo, lui e altri beniamini avrebbero davvero bisogno di un redesign, o di una versione alternativa che simboleggi la loro crescita nelle rispettive saghe. Ganondorf più volte ha tirato spade e spadoni per far fuori Link, il suo parco mosse ancora radicato alle sue origini come clone di Captain Falcon non regge più, Mario (che sicuramente potrà scagliare il suo cappello come in Odyssey) potrebbe beneficiare di una variante ispirata a Super Mario Sunshine equipaggiata di tutto punto con lo Splac 3000, idem per Luigi con il suo Poltergeist 3000 da Luigi's Mansion. Samus invece veste ancora la Termotuta di Super Metroid: azzeccatissima, ma chi è cresciuto con la trilogia dei Prime apprezzerà sicuramente una Cacciatrice più imponente e corazzata, meno agile e scattante ma armata fino ai denti. Un Toon Link armato di Bacchetta dei Venti e martello gigante? Uno Young Link (altra perdita dai tempi di Melee) in grado di trasformarsi come in Majora's Mask? Paper Mario!? Potremmo andare avanti per ore.

Un multiplayer perfetto

super smash brothers

Visto il successo di titoli come Super Mario Maker, non sarebbe male poter creare dei livelli interi da far giocare agli altri (in singolo o in multiplayer) con tanto di classifiche per i punteggi migliori. Dal mischiare Mario e Smash non può che uscire qualcosa di divertente, no? Oppure si potrebbe rinforzare ed espandere l'editor delle arene, comparso già in Brawl e in Smash 4, ma estremamente limitato in entrambe le occasioni; più fondali, modelli e dinamiche consentirebbero ai giocatori di dare libero sfogo alla propria fantasia, compensando eventuali lacune o mancanze nel level design dei campi. Ricordate le location tipiche di Smash 64 e Melee, che rimaneggiavano uno scenario al punto da renderlo quasi irriconoscibile, ma erano uno spasso da giocare? Ecco, preferiremmo più arene di quel tipo e meno gite turistiche a bordo di una piattaforma mobile (va bene dare spago al "gaming competitivo", ma non si può campare di sole Destinazioni Finali). 

Dopo i numerosi passi in avanti fatti con Super Smash Bros. per Wii U e Nintendo 3DS, vorremmo che l'azienda perfezionasse ulteriormente il comparto multigiocatore del titolo. In generale la gestione della lista amici (dannati codici amico!) e l'online non sono mai stati punti forti di Nintendo, ma con un po' di impegno siamo sicuri che si potrebbero fare ottime cose. Oltre a questo ovviamente però non c'è da sottovalutare il multiplayer "live": perché non dare la possibilità a chi possiede Switch, ma non Super Smash Bros. di giocare comunque con gli amici presenti - a patto che ne abbiano una copia -, magari con un team di personaggi e modalità limitate. Una sorta di "demo" che i giocatori in possesso del quinto capitolo di Smash porterebbero sempre con sé: una mossa azzardata, ma che potrebbe fare anche molta pubblicità.


Tom's Consiglia

Se non possedete Nintendo Switch, potete acquistare la console giapponese attraverso le offerte di Amazon.

Nintendo Switch Nintendo Switch
   

Pubblicità

AREE TEMATICHE