La CIA può spiarci attraverso 200 modelli di router

Un perfetto sistema di spionaggio che gli agenti della CIA possono usare per mettere sotto sorveglianza qualsiasi rete Wi-Fi modificando il firmware dei router. È questo, in sintesi, CherryBlossom, l'ennesimo "impianto" descritto dai documenti pubblicati su Internet da WikiLeaks

.

tutorial 768x460
Un esempio preso dal manuale di CherryBlossom

La corposa documentazione resa pubblica dal sito di Julian Assange disegna un quadro piuttosto inquietante: la Central Intelligence Agency ha infatti la possibilità di infettare i router (l'elenco comprende 200 modelli tra i più diffusi) anche attraverso la connessione wireless e da quel momento può controllare o addirittura dirottare il traffico del router come preferisce.

Tutto viene gestito attraverso un server remoto, attraverso il quale gli agenti scelgono i bersagli che vogliono tenere sotto controllo e pianificano ulteriori eventuali attacchi, ad esempio per infettare con trojan i dispositivi che si collegano al router compromesso.

Per saperne di più, leggi l'articolo completo su Security Info, il sito di Tom's Hardware dedicato alla sicurezza informatica.

Pubblicità

AREE TEMATICHE