Cina, sei "cattivo" sui social? Niente treni e aerei

L'incubo immaginato in Caduta Libera, episodio della terza stagione di Black Mirror, sta per diventare realtà in Cina. Come nella distopia immaginata dagli autori dello show infatti, anche la Cina come sappiamo ha deciso di assegnare a tutti i propri cittadini un "punteggio social" tramite il cosiddetto "Sistema di Credito Sociale", sulla base di crimini commessi e pendenze finanziarie, ma anche per ciò che dicono, fanno o acquistano. Le persone che avranno un punteggio basso saranno penalizzate in diversi modi. Ad esempio a partire da maggio prossimo, non potranno utilizzare né treni né aerei per un anno.

A stabilirlo è stata la Commissione nazionale per lo sviluppo e le riforme del Paese.

Si tratta di una delle tante sanzioni già in essere o che partiranno a breve, nonostante il sistema nella sua interezza sarà implementato soltanto a partire dal 2020.

11 17 FTbotsman  01

Un incubo di controllo totale che sfocia in un vero e proprio esperimento di ingegneria sociale, in cui la popolazione sarà costretta a conformarsi a determinati principi decisi a priori attraverso un sistema di valutazione e sanzione. Insomma una versione hi-tech della vecchia delazione, in cui nelle dittature esprimere opinioni contrarie al regime, anche in privato, poteva essere molto pericoloso perché non sapevi mai con chi realmente stavi parlando.

Il "social network di stato" sembra pensato con finalità positive, per arginare cioè criminali e terroristi, ma come sempre accade quando si abdica ai diritti più elementari in nome della sicurezza, il tema del "chi controlla il controllore" diventa scottante. Tra le "colpe" riportate dall'agenzia Reuters come motivi per ottenere un credito sociale basso c'è ad esempio la diffusione di fake news sul terrorismo. Ma se già è difficile dividere efficacemente la panzana bella e buona dalla verità alternativa e critica in uno stato democratico, immaginiamo sia quasi impossibile farlo in Cina, dove il meccanismo finirà per somigliare in modo preoccupante alla semplice censura.

chinasocialcreditscores 1509017568541

Non a caso diverse organizzazioni internazionali per i diritti umani hanno già iniziato a protestare contro il governo cinese, che però come forse ricorderete ha anche allo studio diversi altri sistemi di controllo di massa, dagli occhiali a riconoscimento facciale in dotazione ad alcune forze di polizia alle videocamere, sempre dotate di riconoscimento facciale, per monitorare attivamente alcune minoranze etniche, in grado di avvisare le autorità se qualche individuo supera i confini di una determinata "area sicura".


Tom's Consiglia

Meno famoso di 1984, Il Mondo Nuovo di Huxley dipinge una distopia forse ancora più inquietante.

Pubblicità

AREE TEMATICHE