Compra un Core i7, gli arriva un falso. Attenzione ai furbi!

Diversi mesi fa qualche "buontempone" aveva immesso sul circuito di vendita - fortunatamente estero - alcuni processori Ryzen fasulli. Gli acquirenti delle CPU Ryzen finivano così per trovarsi tra le mani un Celeron contraffatto, con le scritte e i loghi dei processori AMD.

Non avremmo mai pensato che il fatto avvenisse anche in Italia, ma dato che è successo, riteniamo giusto avvisarvi e raccontarvi i fatti. Venerdì scorso, nel tardo pomeriggio, ci ha contattato un lettore, Marcello Mora, spiegandoci di essere stato vittima della medesima truffa descritta mesi fa per i Ryzen. Solo che stavolta riguarda le CPU Intel.

01
La scatola è ok ma.... cos'è quella cosa? Non è un Kaby Lake!

Ecco il messaggio inviato da Marcello: "Sono un operatore del settore informatico da più di dieci anni (ho un negozio e mi occupo sia di riparazione che di vendita PC). Volevo segnalarvi una truffa nella quale sono incappato in questi giorni. Ho acquistato da Amazon un Core i7-7700K e questo è quello che ho ricevuto: una vecchia CPU socket 775. [...] Amazon si è rivelata molto professionale e mi ha già attivato la procedura per il reso (che spero avverrà in tempi rapidi), ma volevo segnalarvi la cosa. Al momento la CPU contraffatta è ancora in mio possesso".

05
Frontale del falso Core i7
04
Posteriore del falso Core i7

Inizialmente Marcello pensava che fosse stato sostituito l'intero heatspreader, ma poi - come potete vedere dalle foto che ci ha inviato il lettore - è venuto fuori che il camuffamento era più semplice: scritte originali cancellate e applicazione di un adesivo sull'heatspreader del processore. Che quello non sia un Core i7 Kaby Lake è fuori discussione, come dimostrano le foto sia frontali che posteriori, ma purtroppo Marcello non ha potuto verificare di che CPU socket 775 si tratti.

core i7 vero
Ecco com'è fatto un vero Core i7. La differenza con l'heatspreader del falso è chiara.
core i7 vero 01
La parte posteriore di un vero Core i7-7700K

Il processore è stato inserito in una scatola originale di un Core i7-7700K e messo dentro una "custodia in plastica sigillata alle due estremità con della colla a caldo (mai visto prima)", ci ha spiegato Marcello.

02
L'etichetta si solleva...

Abbiamo sentito il lettore telefonicamente e ci ha assicurato che il processore era "venduto e spedito da Amazon". Potete vedere anche l'ordine e la fattura per conferma.

ordine amazon
fattura amazon
Comunicazione Amazon
Le fasi: dall'acquisto alla fattura, fino al reso tramite il supporto clienti Amazon - clicca per ingrandire

Cos'è successo? Pensiamo - e con noi anche Marcello - che qualcuno abbia acquistato un Core i7-7700K, se lo sia intascato e poi abbia alterato una vecchia CPU socket 775 inserendola nella scatola. Poi è stato esercitato il diritto di recesso dall'acquisto. Non trattandosi di un reso, il processore non è stato verificato ed è stato rivenduto al lettore.

03
Clicca per ingrandire

L'ecommerce, come scritto dallo stesso Marcello, si è mobilitato subito per la sostituzione e quindi salvo la normale arrabbiatura e la perdita di tempo, il lettore è tutelato. Abbiamo chiesto comunque una dichiarazione in merito ad Amazon, che ci ha risposto quanto segue:

"Stiamo verificando la segnalazione. Nei rari casi in cui un cliente riscontra un problema su un prodotto, può fare totale affidamento sul nostro customer service per trovare una soluzione".

Leggi anche: Quando il truffato non è il cliente ma il venditore

Pubblicità

AREE TEMATICHE